NASCEVA OGGI: JACK CRAWFORD, “GENTLEMAN JACK”

Oggi è il compleanno del gentile Jack Crawford, tennista nato ai primi del '900 famoso per i suoi modi classici e da vero signore. Un tennista come pochi, un tennista che fece grande lo sport del tennis...

Tennis – Era il 1933 quando Jack Crawford andò vicino nel compiere l’impresa del Grande Slam, ma lo allontanò dall’obiettivo Fred Perry.

In quell’anno, Crawford aveva conquistato gli Australian Championships, gli Internazionali di Francia e Wimbledon, gli mancò all’appello solo gli US National Championships strappatigli da Fred Perry  (e un po’ anche dall’asma, dal caldo afoso e dal whisky) 3-6 13-11 6-4 0-6 1-6.

Quando il gioco si faceva duro Jack, nelle pause, aveva l’abitudine di prendere delle zollette di zucchero imbevute nel whisky per calmare la tensione e l’asma che lo opprimeva.

Nato a Urangeline (sconosciuta località nel Nuovo Galles del Sud) il 22 marzo 1908, Jack Crawford conquistò un totale di diciotto Slam: in Australia ne vinse quattro in singolare (1931, 1932, 1933, 1935) e due a testa tra doppio (1929, 1930, 1932, 1935) e doppio misto (1931, 1932, 1933), mentre a Parigi e Londra ottenne un titolo in ognuna delle tre specialità.

Per la sua nazione, l’australiano giocò 57 match, vincendone ben 36.

Considerato l’ultimo esponente dello stile classico, quest’uomo alto dal volto gentile e incorniciato da capelli ondulati si muoveva con grazia ed eleganza. Le sue maniere da vero signore gli valsero il soprannome di “Gentleman Jack”, come il suo tennis allo stesso tempo gentile e spietato.

Jack morì a Sydney nel 1991 e nel 1997 venne inserito nell’Australian Tennis Hall of Fame.


Nessun Commento per “NASCEVA OGGI: JACK CRAWFORD, "GENTLEMAN JACK"”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora