NASTASSJA BURNETT: CIAO ROMA

Nastassja Burnett è stata sconfitta da Heather Watson per 6-3,2-6, 6-3 nelle qualificazioni degli Internazionali Bnl d’Italia 2016. Niente da fare anche per Martina Colmegna, Martina Di Giuseppe e Alberta Brianti.
sabato, 7 maggio 2016
  • 01 - Nastassja Burnett Internazionali Bnl d’Italia 2016
  • 02 - Nastassja Burnett Internazionali Bnl d’Italia 2016
  • 03 - Nastassja Burnett Internazionali Bnl d’Italia 2016
  • 04 - Nastassja Burnett Internazionali Bnl d’Italia 2016
  • 05 - Nastassja Burnett Internazionali Bnl d’Italia 2016
  • 06 - Nastassja Burnett Internazionali Bnl d’Italia 2016
  • 07 - Nastassja Burnett Internazionali Bnl d’Italia 2016
  • 08 - Nastassja Burnett Internazionali Bnl d’Italia 2016

Niente da fare nelle qualificazioni degli Internazionali Bnl d’Italia 2016 per Nastassja Burnett e per le altre tre giocatrici italiane che si sono cimentate sul rosso del Foro Italico: Martina Colmegna, Martina Di Giuseppe e Alberta Brianti.

Nastassja Burnett è stata sconfitta dalla britannica Heather Watson per 6-3,2-6, 6-3; Martina Colmegna ha perso contro la portoricana Monica Puig con un secco 6-3, 6-0; Martina Di Giuseppe, numero 486 Wta, è ssta battuta dalla Lara Arruabarrena con un inequivocabile 6-2, 6-4. Infine Alberta Brianti saluta gli Internazionali Bnl d’Italia 2016 per mano della cinese di Taipei Su-Wei Hsieh, che ha vinto in tre set, con il punteggio di 2-6, 6-1, 6-4.


Nessun Commento per “NASTASSJA BURNETT: CIAO ROMA”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora