NOLE E RAFA, COME AI VECCHI TEMPI

TENNIS, SCOMMESSE - Un pronostico solo per oggi, riguarda due tra i più grandi di sempre.

Affrontiamo questo sabato dopo due giorni positivi. Attendevamo ancora l’esito dell’Over tra Gulbis e Querrey, pienamente centrato vista la vittoria del lettone 7-6 al terzo.
Abbiam poi preso senza patemi la vittoria di Tommy Haas su Istomin (6-4 6-1). Sbagliamo solo l’Over 18.5 tra Djokovic e Seppi dove purtroppo l’italiano non è riuscito a resistere allo strapotere di Novak.
Bilancio: +88.18 stake.

Per questo sabato proponiamo una classica doppia con i due giocatori principi della rivalitá tennistica del 2011 e non solo.
È chiaro che stiamo parlando di Novak Djokovic e Rafael Nadal.
Sono ormai terminati gli aggettivi per descrivere il serbo. Del Potro ha giocato il Tennis migliore della sua settimana, ha spinto ogni palla gli capitasse a tiro, ha servito ottimamente, ma Nole gli ha rimandato di lá quasi tutto e, costretto al tiebreak nel secondo set, lo ha comunque fatto fuori in due parziali.
Tomas Berdych si puo di fatto sentire miracolato dopo aver vinto la semifinale di ieri con Federer. Sotto 5-5 15-40 nel secondo, è stato graziato dallo svizzero come anche nel tie-break quando Roger ha servito per chiudere avanti 6-4. Ha chiuso il tiebreak con una risposta piú casuale che cercata e nel terzo ha trovato un Federer spento e forse anche ormai svogliato, ma ha comunque fronteggiato qualche pericolo trovandosi per due volte 0-30 sul proprio servizio.
Non troviamo modo col quale il ceco possa portare a casa il match contro il numero uno del mondo in queste condizioni. Non puó farlo col gioco, perchè quello del serbo gli permette di commettere meno errori di lui ma di metterlo in difficoltá. Non puó farlo fisicamente, perché Djokovic si muove nettamente meglio e questo gli permette anche di essere piú efficace in fase difensiva. Infine non puó nemmeno riuscire ad avere la meglio con l’astuzia poiché, non c’é nemmeno bisogno di dirlo, Nole ha un’intelligenza tattica innata e nettamente superiore a quella di Tomas.
La quota del vincitore degli Australian Open è bassa, ma ci sembra nettamente sicura.
Ad Acapulco va invece in scena la finale tra il numero 1 e il numero 2 di Spagna. David Ferrer é una macchina,  lo sappiamo, ma secondo noi sta anche lui accusando un po’ di stanchezza dopo le due settimane di fila che ha affrontato per vincere Buenos Aires ed arrivare in finale in Messico. In questa serie di incontri si è trovato sotto con Nalbandian, Robredo, Wawrinka, Lorenzi e ieri ha lasciato un set anche Fognini. Il ligure era in grande spolvero, ma David ci aveva vinto 6-2 6-1 solo una settimana prima. Dall’altra parte arriva un Nadal carico a mille, che vuole capitalizzare al massimo quest’ultima apparizione sul rosso prima dello stop per Indian Wells e Miami, che ha annunciato che non giocherá. Piano piano sta tornando il Nadal schiacciasassi che eravamo abituati a conoscere. Finora ha perso il servizio solo una volta, in un irrilevante turno di battuta contro Schwartzman al primo turno. In semifinale ha contrastato il fino ad ora strepitoso servizio di Almagro e ha mostrato grande profonditá dei colpi. David è piú “martellatore” di Almagro ma allo stesso tempo trova meno soluzioni vincenti e questo fa al caso di Rafa che infatti lo ha battuto sedici volte in carriera. Le uniche vittorie col maiorchino Ferrer le ha ottenute su superfici veloci: non lo ha mai battuto sulla terra in 15 incontri ufficiali.
Questa è la nostra giocata principale della giornata; per chi vuole rischiare qualcosa per aumentare l’eventuale vincita è possibile aggiungere Sara Errani (WTA Acapulco) e John Isner (ATP Delray Beach) per ottenere una quota che moltiplichi all’incirca tre volte la posta.

DOPPIA
Djokovic – Berdych 1 @ 1.14;
Ferrer – Nadal 2 @ 1.5;
Totale @ 1.71 [Stake 7]:

Ricordiamo che scommettere è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Le percentuali di vincita variano a seconda dei singoli bookamers, che devono obbligatoriamente esporre i dati come previsto dal Decreto legge 13 settembre 2012, n. 158.


1 Commento per “NOLE E RAFA, COME AI VECCHI TEMPI”


  1. stefano ha detto:

    io oggi mi butto, ma a ragion veduta: oggi Nole é troppo forte per tutti…. Rafa é ormai tornato, non al 100% ma già in grado di metter paura a tutti, sempre più!.
    Dunque per me vincono Nole e Rafa senza dubbi!


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

  • LE VOSTRE GIOCATE! TENNIS, SCOMMESSE - Particolare iniziativa nella nostra pagina Facebook in cui, stavolta, siete stati voi a scegliere tra le giocate da noi proposte!
  • DOPPIA CON SORPRESA TENNIS, SCOMMESSE - Match scontati domani a Dubai, ma ne troviamo alcuni su cui puntare.
  • PARTITI COL PIEDE GIUSTO TENNIS, SCOMMESSE - Secondo giorno in cui voi selezionate le giocate migliori tra quelle da noi proposte, cosa avete scelto oggi?
  • TANTO DUBAI PASSANDO PER DELRAY BEACH TENNIS, SCOMMESSE - Proponiamo diversi pronostici nel torneo degli Emirati Arabi, più una singola in quello americano di Delray Beach.
  • VERSO +100 E OLTRE TENNIS, SCOMMESSE - Dopo un altra serie di giocate andate a buon fine, cerchiamo di superare la soglia del +100 di attivo nel nostro bilancio.
  • RICOMINCIARE DA SUBITO TENNIS, SCOMMESSE - Dopo una serie di 10 giorni in attivo, interrotta ieri, vogliamo riprendere da dove avevamo lasciato fin da oggi.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.