NORMAN SU WAWRINKA: “MIAMI NON ERA PER NOI”

Il coach di Wawrinka sembra quasi rassegnato dinnanzi alle prestazioni sul cemento americano dell'elvetico

Tennis. Norman si dice piuttosto preoccupato dello stato attuale di Wawrinka, tutt’altro che brillante sia a Miami ma soprattutto in quel di Indian Wells.

Il coach dello svizzero commenta così il momento del campione in carica di Parigi: “Miami quest’anno non era per noi. E’ stata una grande battuta d’arresto, la prima cosa che ti chiedi come allenatore è “Cosa avrei potuto fare di diverso?”. Mi assumo sempre tutte le mie responsabilità  quando i miei giocatori non giocano al meglio. Quello che posso fare, di sicuro,  è analizzare le probabili cause, parlarne, imparare da loro e  andare avanti! Per cercare di fare meglio la prossima volta. Dobbiamo cercare di riprenderci.”

Sul suo sito ufficiale commenta così lo svedese: “Il prossimo torneo per Stan è a Monaco, sulla terra battuta. A questo  faranno seguito Madrid, Roma e Ginevra. Quindi gli Open di Francia.  Siamo impazienti di buttarci indietro le recenti sconfitte e ricominciare più competitivi di prima. volerò alla volta dell’Europa tra pochi giorni. Prima, però, farò uno stop a Detroit. Andrò a  passare un pò di tempo a Stoccolma. Speriamo che la primavera sia già arrivata per il mio ritorno a casa. Così da potere uscire in bici.”  


Nessun Commento per “NORMAN SU WAWRINKA: "MIAMI NON ERA PER NOI"”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora