NORMAN SU WAWRINKA: “MIAMI NON ERA PER NOI”

Il coach di Wawrinka sembra quasi rassegnato dinnanzi alle prestazioni sul cemento americano dell'elvetico

Tennis. Norman si dice piuttosto preoccupato dello stato attuale di Wawrinka, tutt’altro che brillante sia a Miami ma soprattutto in quel di Indian Wells.

Il coach dello svizzero commenta così il momento del campione in carica di Parigi: “Miami quest’anno non era per noi. E’ stata una grande battuta d’arresto, la prima cosa che ti chiedi come allenatore è “Cosa avrei potuto fare di diverso?”. Mi assumo sempre tutte le mie responsabilità  quando i miei giocatori non giocano al meglio. Quello che posso fare, di sicuro,  è analizzare le probabili cause, parlarne, imparare da loro e  andare avanti! Per cercare di fare meglio la prossima volta. Dobbiamo cercare di riprenderci.”

Sul suo sito ufficiale commenta così lo svedese: “Il prossimo torneo per Stan è a Monaco, sulla terra battuta. A questo  faranno seguito Madrid, Roma e Ginevra. Quindi gli Open di Francia.  Siamo impazienti di buttarci indietro le recenti sconfitte e ricominciare più competitivi di prima. volerò alla volta dell’Europa tra pochi giorni. Prima, però, farò uno stop a Detroit. Andrò a  passare un pò di tempo a Stoccolma. Speriamo che la primavera sia già arrivata per il mio ritorno a casa. Così da potere uscire in bici.”  


Nessun Commento per “NORMAN SU WAWRINKA: "MIAMI NON ERA PER NOI"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Marzo 2017

  • Roger guarda sepre più avanti. Dopo l’incredibile traguardo raggiunto a Melbourne, il favoloso Federer non si pone più limiti e guarda al suo 2017 con occhi nuovi. È tornato a pensare che Wimbledon sia un suo terreno di conquista e spera di riuscire a riprendere le chiavi di quel “giardino incantato”.
  • Rafa vuole il Real Madrid. Un giorno vorrebbe diventare il Presidente del famoso club calcistico madrileno, ha ammesso Nadal, che da sempre ha una grande passione per il pallone. Che stia già pensando al ritiro dal circuito della racchetta.
  • Gli azzurri di Davis sognano. Dalla vittoria di primo turno, fatta registrare in Argentina sulla squadra detentrice dell’insalatiera d’argento, riprende la corsa di una nazionale italiana motivata e generosa, capace di riaccendere l’entusiasmo dei suoi tifosi.