NORMAN SU WAWRINKA: “MIAMI NON ERA PER NOI”

Il coach di Wawrinka sembra quasi rassegnato dinnanzi alle prestazioni sul cemento americano dell'elvetico

Tennis. Norman si dice piuttosto preoccupato dello stato attuale di Wawrinka, tutt’altro che brillante sia a Miami ma soprattutto in quel di Indian Wells.

Il coach dello svizzero commenta così il momento del campione in carica di Parigi: “Miami quest’anno non era per noi. E’ stata una grande battuta d’arresto, la prima cosa che ti chiedi come allenatore è “Cosa avrei potuto fare di diverso?”. Mi assumo sempre tutte le mie responsabilità  quando i miei giocatori non giocano al meglio. Quello che posso fare, di sicuro,  è analizzare le probabili cause, parlarne, imparare da loro e  andare avanti! Per cercare di fare meglio la prossima volta. Dobbiamo cercare di riprenderci.”

Sul suo sito ufficiale commenta così lo svedese: “Il prossimo torneo per Stan è a Monaco, sulla terra battuta. A questo  faranno seguito Madrid, Roma e Ginevra. Quindi gli Open di Francia.  Siamo impazienti di buttarci indietro le recenti sconfitte e ricominciare più competitivi di prima. volerò alla volta dell’Europa tra pochi giorni. Prima, però, farò uno stop a Detroit. Andrò a  passare un pò di tempo a Stoccolma. Speriamo che la primavera sia già arrivata per il mio ritorno a casa. Così da potere uscire in bici.”  


Nessun Commento per “NORMAN SU WAWRINKA: "MIAMI NON ERA PER NOI"”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Dicembre 2017

  • Dimitrov e Wozniacki "Maestri". Due veterani del tour ancora in parte inespressi, che a fine stagione hanno saputo cogliere il momento propizio. Nel 2018 sono comunque attesi alla prova del nove, magari un trionfo Slam...
  • Chi è Hyeon? Di cognome fa Chung, è coreano ed è più che coriaceo in campo. Qualità, quest'ultima, che gli è valsa la vittoria alla prima edizione delle "Next Gen" meneghine. Adesso lo aspettano i "grandi".
  • Giochi di squadra. Dopo oltre tre lustri, Francia e Stati Uniti riconquistano rispettivamente la Coppa Davis e la Fed Cup. Onore al merito dei due capitani ex giocatori, Yannick Noah e Kathy Rinaldi, che hanno saputo ricompattare e motivare le loro gloriose compagini.