NUOVO COACH PER CHARDY: ESCUDE NELLO STAFF

Per ritrovare la forma migliore ed i risultati smarriti il francese Chardy si affiderà nel 2017 al connazionale Escude

Tennis. Un annus horribilis per Chardy che precipitato quasi alla settantesima posizione decide di cambiare coach alla soglia dei 30 anni e di affidarsi all’ex n.17 del mondo Escude, già coach del connazionale Tsonga.

Per il francese c’è la voglia di ricominciare nel 2017 da dove aveva terminato il biennio precedente alla stagione appena conclusa: i suoi migliori risultati soprattutto a livello di Slam erano arrivati tra il 2014 ed il 2015, con gli ottavi in tutti i Major disputati, con l’exploit 2013 dei quarti a Melbourne. Poi la soprendente vittoria all’esordio con Federer in quel di Roma, che lasciava presagire ad un anno importante e con una classifica di riliveo che lo vedrà issarsi sino alla n.25 del Ranking Atp.

Il 2016 è stato però deludente, nonostante una partenza non negativa coi quarti a Doha e Sydney, poi il nulla. Pessime prestazioni in tutti gli Slam, solo a Parigi arriva ai trenaduesimi perdendo col futuro campione Wawrinka, da quel momento in poi collezionerà solo eliminazioni precoci in qualsiasi torneo a cui prenderà parte. L’anno si chiuderà mestamente, con la partecipazione in serie al cicrcuito Challenger, senza nemmeno qui trovare l’acuto. Le ultime finali disputate risalgono ormai al lontanissimo 2009, di cui una vinta a Johannesburg proprio su Tsonga.

Che possa essere un segnale in vista della nuova collaborazione con Escude, appunto coach del classe’95 di origini congolesi?


Nessun Commento per “NUOVO COACH PER CHARDY: ESCUDE NELLO STAFF”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora