PARTE DA WIMBLEDON IL SOGNO DI FRANCESCA JONES

La 15enne tennista britannica Jones combatte contro la displasia ectrodattilia ectodermica e sogna la vetta del tennis

TENNIS – Sogna di scalare la classifica della WTA e di diventare una tennista professionista. La sua voglia di scendere in campo e di superare le difficoltà della vita rende superflua ogni motivazione. A 15 anni, Francesca Jones può raccontare una delle storie più belle e toccanti della storia di Wimbledon. Un’adolescente qualunque, di 15 anni, che si ritrova a salutare Wimbledon dopo aver sperato di conquistare i titoli juniores. Ma Francesca Jones non è una ragazza come le altre: combatte sin dalla nascita con la displasia ectrodattilia ectodermica, una sindrome che l’ha colpita sin dalla nascita. Francesca ha 4 dita per mano, ha 3 dita al piede destro e 4 al sinistro. Inoltre la giovane tennista dello Yorkshire impugna la racchetta con la mano destra, che è più piccola del normale. Una disabilità che avrebbe scoraggiato chiunque, ma non Francesca, che continua a voler calcare i campi da tennis ed è convinta di poter ottenere grandi risultati.

A Wimbledon, il suo sogno è terminato sia nel singolo che nel doppio. Ad eliminare la britannica, scesa in campo con la connazionale Ali Collins, è stata la coppia composta da Anisimova e Sanford, che si sono qualificate ai quarti di finale con il punteggio di 4-6 6-3 5-7. Nonostante la sconfitta, la Jones continua a lottare. La sua grinta e il suo carattere sono da esempio per tanti suoi coetanei: «Sono arrivata al punto che con la mia condizione posso provare a tutti che la forza di volontà e la determinazione sono tutto nella vita», ha affermato la Jones. «Sono a Wimbledon per dimostrare di avere un gioco da Top 5. Sono maturata e sto diventando più grande lavorando su questo giorno dopo giorno. E se devo fare altre operazioni, le farò».

La storia di Francesca Jones assume contorni tristi. La ECC è un avversario duro da affrontare per una ragazzina debole e indifesa, che però non ha mai mollato, ha lottato contro le difficoltà della vita e non si accontenta di essere in campo. Ha cominciato montando delle maniglie speciali sulla sua racchetta, e ora compete alla pari con le sue coetanee. A 9 anni si è trasferita in una scuola di tennis di Barcellona per implementare il proprio gioco, ed ha anche toccato il numero 4 del mondo nella categoria Under 14. Ha raggiunto un ottimo livello nonostante un equilibrio sempre precario, nonostante le difficoltà al piede destro. La storia di Francesca Jones è fatta di sacrifici, di sudore e di voglia di emergere. Una storia di normalità, che merita la standing ovation di Wimbledon nonostante la sconfitta sul campo.


Nessun Commento per “PARTE DA WIMBLEDON IL SOGNO DI FRANCESCA JONES”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Dicembre 2016

  • Andy Murray entra nel 2017 da "number one". Nessun suddito britannico prima di lui era riuscito a salire in vetta alla classifica dell'Era Open, ma lo scozzese ha invece compiuto l'impresa vincendo le Atp Finals proprio davanti al pubblico londinese.
  • L'Argentina sul tetto del mondo. I sudamericani conquistano per la prima volta la Coppa Davis rompendo il "maleficio" che li aveva visti perdere per ben 4 volte in finale. A fare il tifo sugli spalti c'era anche Diego Armando Maradona!
  • Trump e il tennis. Da sempre grande appassionato dello sport della racchetta, il nuovo Presidente degli Stati Uniti non solo è uno spettatore fisso degli US Open, ma da svariati decenni impugna la racchetta con la stessa determinazione che ha mostrato in campagna elettorale.