PASSATO E FUTURO AZZURRO: LORENZI E VINCI PRONTI A RICOMINCIARE

Lorenzi, Vinci, Fognini ecc. Gli azzurri del tennis sono pronti a riscendere in campo per migliorare il loro gioco e portare a casa i titoli che contano...dopo un 2016 decisamente altalenante

Tennis – Dopo aver archiviato un anno di alti e bassi, gli azzurri del tennis sono pronti a ricominciare la loro nuova stagione 2017. Ma andiamo per ordine raccontando passo dopo passo le avventure degli italiani.

Roberta Vinci: nei Grand Slam la tarantina è riuscita ad arrivare ai quarti di finale degli US Open non riuscendo a ripetere l’impresa del 2015. Ma il momento topico del 2016 è stato sicuramente il trionfo a San Pietroburgo con la conquista del suo decimo titolo WTA grazie alla vittoria su Belinda Bencic. Inoltre, per Roberta è l’anno del suo best ranking in Top 10. Il suo 2017 avrà inizio a Brisbane sempre come prima azzurra d’Italia.

Sara Errani: non è stato un anno semplice per la bolognese eliminata subito al primo turno degli Australian Open, accusando anche qualche dolore alla schiena. Fortunatamente, nel mese di febbraio, la Errani è riuscita ad ottenere il suo nono e più importante titolo: Dubai. Dopo questo barlume si ritorna nel baratro con le sconfitte al primo round di Madrid, Roma e Strasburgo. Non brilla nei successivi Grand Slam e decide di concludere la sua stagione a settembre. Nel 2017 Sara sarà sui campi di Brisbane.

Francesca Schiavone: Nonostante non sia riuscita ad ottenere il record di  partecipazioni nei tabelloni principali degli Slam (detenuto da Ai Sugiyma), la leonessa ha potuto comunque sorridere alzando il suo settimo trofeo a Rio de Janeiro battendo in tre set Shelby Rogers. Decisa a continuare la sua carriera, la Schiavone si trova alla posizione numero 102.

Camila Giorgi: una stagione in sordina per la marchigiana, corredata dal raggiungimento della finale di Katowice persa per mano della Cibulkova. La Giorgi inizierà questo 2017 con Shenzhen.

Paolo Lorenzi: il numero 40 del mondo, nonché il primo d’Italia, ha iniziato la stagione da n.68 al torneo di Doha, ed è da lì che parte la sua scalata. Dopo aver ottenuto il diciassettesimo Challenger a Canberra (e poi a Caltanissetta) e non aver lasciato un segno incisivo agli Internazionali di Roma e al Roland Garros, Lorenzi il 23 luglio ottiene il suo primo titolo ATP a Kitzbuhel (è il giocatore più anziano della storia a conquistare un trofeo ATP). Infine, riesce ad arrivare al terzo turno degli US Open, poi eliminato da Murray. Nel 2017, Paolo parteciperà al torneo di Doha.

Fabio Fognini: un “toro scatenato” fermato ad aprile a causa di un brutto infortunio (lesione dei muscoli addominali) che lo ha costretto a saltare i tornei americani primaverili. Fognini non vuole darsi per vinto e, sebbene le eliminazioni ai primi turni di Montecarlo, Roma e Nizza, riesce ad aggiudicarsi il torneo di Umago (quarto in carriera), mentre si arrende alla finale di Mosca e a Carreno Busta. Fabio tornerà immediatamente ad allenarsi con l’obiettivo, per il 2017, di tornare tra i primi 30.

Andreas Seppi: un difficile 2016 per l’altoatesino che, con il problema all’anca, spera davvero in un 2017 migliore, dopo le varie sconfitte ai primi turni di Rotterdam, Dubai e i Masters americani.

 


Nessun Commento per “PASSATO E FUTURO AZZURRO: LORENZI E VINCI PRONTI A RICOMINCIARE”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora