RAFAEL NADAL RIVELA: “SENZA ZIO TONI AVREI GIOCATO A CALCIO”

Continuano i retroscena nel rapporto zio-nipote: Rafael Nadal torna a svelare una delle motivazioni che lo legano tanto a suo zio Toni, a cui deve gran parte del suo successo.

Tennis. Chi sarebbe Rafa Nadal ora senza suo zio? Probabilmente non sarebbe il Rafa che conosciamo noi oggi, pluricampione slam, ex numero 1 al mondo e tuttora competitivo. A rivelarlo è proprio il maiorchino in un’intervista per l’Equipe.

Dopo tanti anni di collaborazione, alla notizia annunciata da zio Toni della volontà di interrompere a fine stagione il rapporto con il nipote nel suo team, quasi non ci si credeva. Un rapporto che termina dopo successi, discese e risalite che hanno portato il maiorchino negli albi della storia sportiva spagnola, ma che forse era inevitabile. Il rinnovamento dello staff dello spagnolo, con l’inserimento del connazionale Carlos Moya, sembra aver voluto lanciare un chiaro segnale: cambiare per andare avanti. A riguardo però Rafa non rivela molto: “Io ho la mia personalità, il mio carattere ed è normale che prendo le mie decisioni su molte questioni, ma è vero però che chiedo sempre il parere di Toni , come faccio anche con  altri membri della mia squadra e la mia famiglia. Sono una persona che ascolta e sono persino abbastanza ubbidiente”.

Ma senza zio Toni dove sarebbe Rafa ora? “Senza Toni non avrei mai giocato a tennis, ma a calcio. Lui ha avuto un impatto enorme sul mio gioco, sulla mia personalità e sulla mia educazione”. E dopo la separazione non sarà lo stesso senza Toni: “Sarà una rivoluzione, ma devo pensare a una nuova organizzazione senza di lui”. Come sarà allora il futuro dello spagnolo? “Vivo giorno per giorno. Ho già vissuto anni bellissimi che non avrei mai sognato in realtà”. 


Nessun Commento per “RAFAEL NADAL RIVELA: "SENZA ZIO TONI AVREI GIOCATO A CALCIO"”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora