RANKING ATP, FEDERER TORNA NELLA “TOP FIVE”

Lo svizzero, grazie al trionfo di Miami, è risalito fino alla "casella" numero 4. Fabio Fognini invece torna nella Top 30 dopo oltre un anno e si riprende lo scettro di numero uno azzurro

TENNIS – Continua la risalita di Roger Federer all’interno del ranking Atp. Con il trionfo nella finale del Masters 1000 di Miami ai danni di Rafa Nadal infatti, lo svizzero non solo si è assicurato il terzo “Sunshine Double” (doppietta Indian Wells-Miami) della carriera, ma ha anche guadagnato altre due posizioni all’interno della classifica mondiale, arrivando fino alla numero quattro. Un risultato quasi impensabile tre mesi fa, soprattutto perché lo svizzero, dopo sei mesi di stop legati all’infortunio al ginocchio, si apprestava ad iniziare la nuova stagione da numero 17 del mondo, con tutti i dubbi che accompagnavano le possibilità di un quasi trentaseienne di poter tornare ai massimi livelli, ma i successi degli Australian Open, di Indian Wells e quello in Florida gli hanno permesso di tornare velocemente nelle zone del ranking che gli competono.

Anche Rafa Nadal comunque, nonostante la terza sconfitta in tre mesi contro il rivale storico, può essere soddisfatto, perché con la finale di Miami è risalito dalla settima alla quinta posizione, ai danni di Kei Nishikori (sceso di tre “caselle” fino alla numero 7) e Milos Raonic (scivolato dalla quinta alla sesta posizione), mentre l’ultimo cambiamento all’interno della Top Ten riguarda Marin Cilic, salito di una “casella” (dalla nona all’ottava) a spese di Dominic Thiem, seguito da Jo-Wilfried Tsonga a chiudere il gruppo dei primi dieci giocatori del mondo. Il Masters 1000 di Miami però ha fatto registrare anche altri passi in avanti importanti, a partire da Donald Young, che grazie agli ottavi di finale raggiunti ha guadagnato nove posizioni arrivando fino alla numero 42, mentre il suo connazionale Jared Donaldson (anche lui arrivato fino agli ottavi in Florida) è salito dalla “casella” numero 95 alla numero 75. L’altro giovane americano Francis Tiafoe, infine, passato attraverso le qualificazioni a Miami e fermato da Roger Federer al secondo turno, è rientrato nella Top 100 grazie ad un salto di 12 posizioni che lo ha proiettato alla numero 89.

ITALIANI

Passando quindi alla situazione degli italiani, la splendida performance di Fabio Fognini al Masters 1000 di Miami, dove ha raggiunto la semifinale persa poi da Nadal, gli ha permesso di tornare nella Top 30 del ranking mondiale (cosa che non gli succedeva dal febbraio del 2016) raggiungendo la posizione numero 28, e di riprendersi quindi lo scettro di numero uno del tennis azzurro, visto che Paolo Lorenzi è scivolato di una “casella” dalla numero 37 alla numero 38. Andreas Seppi invece ha guadagnato quattro posizioni salendo dalla numero 80 alla numero 76, mentre per trovare l’italiano successivo all’interno della classifica mondiale si deve arrivare fino alla posizione numero 122 occupata da Alessandro Giannessi. A completare la pattuglia italiana all’interno della Top 200 quindi ci sono Luca Vanni (numero 126 del mondo, +1), Federico Gaio (numero 164, -18), Marco Cecchinato (numero 165, +9), Thomas Fabbiano (numero 168) e Stefano Napolitano (numero 177).

(Nella foto Roger Federer – www.zimbio.com) 


Nessun Commento per “RANKING ATP, FEDERER TORNA NELLA "TOP FIVE"”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.