RANKING WTA: CROLLO BOUCHARD, BARTY SUPERSTAR

Poche variazioni in vetta alla classifica mondiale, ma alcune sorprese degne di nota. La Bouchard continua a precipitare

Tennis. Lunedì in cui le variazioni della classifica mondiale femminile partono tutte dalla top 20 in poi. Serena Williams conferma la prima posizione mondiale, seguita a pochissimi punti dalla Kerber, chiude il podio la Pliskova.

I due tornei della settimana erano i Wta di Kuala Lumpur e Acapulco, che certo non consegnavano tanti punti da poter stravolgere la top ten mondiale. Qualche cambiamento però c’è stato, il più significativo nella prima parte del Ranking lo fa registrare la Mladenovic, che perde la finale in Messico ma passa dalla n.30 alla n.26 del mondo.

A vincere il torneo è la Tsurenko, che guadagna ben 9 posizioni issandosi alla n.41. E’ però l’altro torneo della settimana uscente a mettere sul piatto le novità principali, su tutte quella della vincitrice Barty. La giovane australiana si aggiudica il primo torneo in carriera, guadagnando la bellezza di 66 posizioni che la portando ad un best ranking pari alla n.92 del mondo. Molto bene anche la finalista Hibino, che tocca la n.81 guadagnando ben 25 piazze.

Il 2016 era stato l’anno della Bouchard, che raggiunse la finale in Malesya, lasciando immaginare un ritorno ai massimi livelli. Nuovi infortuni l’hanno però nuovamente bloccata, perde tanti punti in questa settimana ed è ora n.53, cadendo di sette gradini.

Le italiane: Vinci è la prima delle italiane alla n.29(-1), segue la Giorgi alla n.73(+1), da registrare l’uscita della Errani dalla top 100, esattamente alla n.104(-5).


Nessun Commento per “RANKING WTA: CROLLO BOUCHARD, BARTY SUPERSTAR”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.