RANKING WTA, KASTKINA SHOW: SUPER OSTAPENKO

Primo trofeo in carriera per la baby Kasatkina che batte la Ostapenko: ecco come cambia il Ranking Wta

Tennis. La settimana che precede il match di Fed Cup dell’Italia contro Tapei in quel di Barletta si apre con un bel po’ di variazioni nel Ranking Wta, nonostante si siano giocati due tornei minori del circuito: Charleston e Monterrey.

Il cemento messicano presentava in tabellone giocatrici illustri, regalando ai fan una finale di lusso fra la n.1 Kerber e la Pavlyuchenkova. A vincere è quest’ultima, che conserva la n.16 del mondo così come la tedesca che tiene a distanza Serena Williams pur confermando un 2017 che non è di certo partito come la precedente strepitosa annata.

Entra in top ten la Keys a vantaggio di Venus, guadagna la n.11 la Wozniacki mentre si invertono Kvitova e Vesnina in top 15. La prima affermazione in carriera porta la classe ’97 Kasatkina alla n.29 del mondo, con un salto di tredici posizioni. A consegnarle lo scettro è la terra battuta di Charleston: la finale vedeva dall’altra parte della rete la Ostapenko, anche in caso di suo successo si sarebbe trattato del primo titolo Wta.

Anche per la lettone è comunque un ottimo risultato che le permette di guadagnare 16 piazze e riportarsi in top 50, sebbene lontana dalla best ranking di n.33 del mondo.

Le italiane: è un crollo totale, tranne la Vinci che perde solo una piazza ed è ora n.35. La Giorgi cade di 22 posizioni ed è ora n.98. Ne perde 25 invece la Errani, fuori dalla top 100 ed ora alla n.121 del Ranking Wta. Continua a perdere piazze anche la Schiavone, ora n.168 (-16).

 


Nessun Commento per “RANKING WTA, KASTKINA SHOW: SUPER OSTAPENKO”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora