RANKING WTA: LI NA IN TOP 3. STABILE ERRANI, VINCI AL N°12

TENNIS – Dopo gli Australian Open piccoli ma sostanziali spostamenti interessano il ranking WTA. La regina di Melbourne Li Na conquista la Top 3 ai danni della russa Maria Sharapova. Sara Errani stabile al settimo posto mentre Roberta Vinci dalla posizione n°12 scende alla n°14. Flavia Pennetta ad un passo dalla Top 20.

Tennis. Dopo gli Australian Open il ranking WTA si mostra poco cambiato sostanzialmente con piccoli spostamenti che interessano anche la Top 10. Al comando sempre la statunitense Serena Williams, seguita dalla bielorussa Victoria Azarenka. La cinese regina d’Australia Na Li conquista il 3° gradino del podio dal precedente numero quattro, retrocedendo la russa Maria Sharapova dal 3° al 5° posto con la complicità della polacca Agniezska Radwanska che, grazie alla semifinale giocata a Melbourne conquista il 4° posto.

Stabile Sara Errani al 7° posto e tutto fermo fino al 9°, mentre alla posizione n°10 troviamo la romena Simona Halep che conquista una posizione ai danni di Caroline Wozniacki che scende al n°11. A seguire la nostra Roberta Vinci perde due posizioni, cedendo la posizione n°12 alla serba Ana Ivanovic e il n°13 alla slovacca, runner-up di Li Na agli Australian Open, Dominika Cibulkova, che prima occupava la posizione n°24. Sempre all’interno della top 20 perde ben cinque posizioni la statunitense Sloane Stephens che dal n°13 passa al n°18 mentre balza di dodici posizioni la canadese Eugenie Bouchard e si piazza al 19° posto.

Poco più giù Flavia Pennetta, grazie ai quarti di finale raggiunti a Melbourne, continua la sua scalata arrampicandosi dalla posizione n°29 alla n°22. Da segnalare anche le quattro posizioni recuperate dalla russa Anastasia Pavlyuchenkova, che passa dal n°30 al n°26. Perdono rispettivamente sei e otto posizioni le russe Ekaterina Makarova e Svetlana Kuznetsova. Da segnalare le new entry della Top 100: la giovane australiana Casey Dell’Acqua passa dalla posizione n°120 alla n°80; la francese Virginie Razzano che dalla posizione n°100 sale alla 85; la lussemburghese Mandy Minella dalla 107 alla 91; le spagnola Annabel Medina Garrigues dalla 101 alla 93 e Lara Arrubarrena dalla 102 all 99; infine la colombiana Mariana Duque-Marino dalla 105 alla 100.

LA TOP 20

1. Serena Williams (USA) 13000
2. Victoria Azarenka (Blr) 6581
3. Na Li (Chn) 6570
4. Agnieszka Radwanska (Pol) 5750
5. Maria Sharapova (Rus) 5416
6. Petra Kvitova (Cze) 4745
7. Sara Errani (Ita) 4440
8. Jelena Jankovic (Srb) 4310
9. Angelique Kerber (Ger) 4030
10. Simona Halep (Rou) 3760
11. Caroline Wozniacki (Den) 3370
12. Ana Ivanovic (Srb) 3160
13. Dominika Cibulkova (Svk) 3056
14. Roberta Vinci (Ita) 3020
15. Sabine Lisicki (Ger) 2980
16. Carla Suarez Navarro (Esp) 2745
17. Samantha Stosur (Aus) 2705
18. Sloane Stephens (USA) 2415
19. Eugenie Bouchard (Can) 2369
20. Maria Kirilenko (Rus) 2325
LE ALTRE ITALIANE

22. Flavia Pennetta 2165 (+7)
43. Francesca Schiavone 1255 (-1)
45. Karin Knapp 1240 (-1)
84. Camila Giorgi 735 (+15)
163. Nastassja Burnett 400 (+4)
203. Alberta Brianti 299 (+3)
208. Maria Elena Camerin 289 (–)
238. Giulia Gatto-Monticone 246 (+9)
244. Gioia Barbieri 237 (+8)


Nessun Commento per “RANKING WTA: LI NA IN TOP 3. STABILE ERRANI, VINCI AL N°12”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.