RIO 2016. IL SOGNO OLIMPICO CONTINUA PER SARA ERRANI E ROBERTA VINCI

Le azzurre campionesse di tutto battono 6-2, 6-3 le cinesi Saisai Zheng e Yifan Xu e accedono ai quarti di finale del torneo olimpico di doppio femminile. Al prossimo turno affronteranno le ceche Lucie Safarova e Barbora Strykova.

Tennis – Sul teatro del campo 4 dell’Olympic Tennis Center si gioca il secondo turno del torneo di doppio femminile. In campo ci sono l’Italia, con Sara Errani e Roberta Vinci e la Cina, rappresentata da Saisai Zheng e Yifan Xu.

Si inizia con le azzurre al servizio in un game che dura ben 9 minuti. Si va subito ai vantaggi e le nostre portacolori devono annullare due palle break prima di mettere in cascina il primo game dell’incontro.

È già una prima scossa per la coppia italiana. Perché il primo turno al servizio per Saisai Zheng e Yifan Xu è molto tribolato. La coppia cinese si trova costretta a concedere due palle break e alla seconda chance le nostre ne approfittano portandosi sul 2-0. Il terzo gioco, tuttavia, vede le azzurre ancora in difficoltà. Sotto 15-40 Errani-Vinci riescono a trovare la parità, ma alla terza palla break concessa cedono anche il servizio. Le cinesi tentano di rifarsi sotto, ma concedono altre due palle break, permettendo alle Chicis di portarsi sul 3-1. Il 4-1 arriva soltanto dopo aver annullato altre due opportunità di break per le avversarie.

Sembra la svolta del primo set. Nel sesto gioco, sul servizio Zheng-Xu, Errani-Vinci salgono 40-0 e si portano avanti 5-1. Le cinesi non mollano, rubano ancora il servizio alle italiane e si portano sul 2-5. Ma la loro incapacità di tenere la battuta si ripresenta nel game successivo. È 6-2 per Sara Errani e Roberta Vinci.

La seconda partita inizia bene per le nostre atlete, che vanno subito sull’1-0 senza concedere nemmeno un 15 alle avversarie. Nel game successivo Zheng-Xu sono avanti 30-0, ma subiscono quattro punti consecutivi dalle nostre. 2-0 per le italiane, che però nel turno di servizio successivo si incartano, cedendo la battuta a 15 e regalando alle avversarie l’opportunità di rientrare nel match. Opportunità che trova effettivamente concretizzazione. 2-2 e tutto da rifare per Sara Errani e Roberta Vinci. Le azzurre trovano tranquillamente il 3-2 e ottengono 3 palle break consecutive nel sesto gioco. Saisai Zheng e Yifan Xu riescono ad annullare solo la prima e così le ragazze di Corrado Barazzutti si portano sul 4-2. Rispetto al primo set le nostre non sembrano avere problemi nei turni al servizio e questo aspetto si nota nel settimo gioco, chiuso senza concedere nemmeno in punto alle avversarie. Dopo un altro gioco vinto non senza problemi dalle cinesi Sara Errani e Roberta vinci si accingono a servire per il match. Le cinesi vanno avanti di un 15, ma le azzurre ottengono 3 punti consecutivi e quindi due match point. Basta il primo. Il set si chiude per 6 giochi a 3. Sara Errani e Roberta Vinci sono ai quarti di finale del torneo olimpico e al prossimo turno affronteranno le atlete della Repubblica Ceca Lucie Safarova e Barbora Strykova.

Foto: Sara Errani e Roberta Vinci (www.zimbio.com)


Nessun Commento per “RIO 2016. IL SOGNO OLIMPICO CONTINUA PER SARA ERRANI E ROBERTA VINCI”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2018

  • "King Roger" forever. Ancora, ancora e ancora... a quasi 37 primavere Federer è di nuovo il "number one" del tennis mondiale, quattordici anni dopo la prima volta. Il giusto coronamento di venti stagioni sul Tour condite da venti titoli Slam.
  • Nostalgia Williams. Un inizio 2018 senza le "Black Sisters" protagoniste sul rettangolo di gioco è sembrato sbiadito. Serena ha prolungato il suo "congedo" di maternità, mentre Venus è partita male. Unica apparizione insieme nel doppio di Fed Cup, perso!
  • Evviva il Fognini nazionale. In Coppa Davis il tennista ligure dà sempre il meglio di sé. Decisivo il suo apporto per superare il Giappone al 1° turno, ma nei quarti previsti a Genova dovrà superarsi guidando l'Italia contro i francesi campioni in carica.