RIO 2016: UNA FAVOLA CHE SFOCIA NEL MITO, PUIG E KERBER IN FINALE

Angelique Kerber si sbarazza di Madison Keys e continua a raccogliere successi nel suo anno d'oro. Dall'altra parte, la favola di Monica Puig diventa realtà: la 22enne di San Juan potrebbe essere la prima portoricana della storia a vincere la medaglia d'oro alle Olimpiadi.

TENNIS – Angelique Kerber continua a vincere, convincere e stupire. La tedesca, dopo il successo a Melbourne e la finale a Wimbledon, supera Madison Keys in due set (6-3 7-5) e alla seconda Olimpiade in carriera si guadagna la possibilità di lottare per la medaglia d’oro. La statunitense non riesce a invertire la tendenza, cedendo per la quinta volta in sei sfide alla numero due del mondo.

La prima frazione segue la scia dei servizi fino al settimo game, anche se le emozioni non mancano: la Keys si ritrova costretta ad annullare due palle break nel terzo gioco, mentre la Kerber deve salvarsi dalla stessa situazione nel sesto game. La partita, però, cambia rotta da un momento all’altro con la teutonica che piazza un break di 3-0 e vola verso la conquista della prima frazione con autorità.

La statunitense prova a cambiare qualcosa, trova più ritmo da fondo campo e tra il primo e il nono gioco si procura addirittura quattro palle break, tre consecutive sul 4-4. Sciupata l’occasione, però, si disunisce e concede tre match point. La Kerber non riesce ad approfittare del passaggio a vuoto dell’avversaria e nel game successivo deve salvare due palle break per rimanere aggrappata alla partita nel momento di massima difficoltà. Le recriminazioni della Keys arrivano quando, sul 5-6, cede malamente il servizio e dopo un set meglio giocato deve stringere la mano all’avversaria, in finale in un’Olimpiade per la prima volta in carriera. Angelique sarà la seconda teutonica della storia a giocarsi l’oro alle Olimpiadi, solo Steffi Graf è riuscita a fare meglio (Oro a Seoul nel 1988 e argento a Barcellona nel 1992).

La dodicesima finale femminile della storia delle Olimpiadi vedrà in campo una portoricana, Monica Puig. La numero 35 del mondo, con il successo su Petra Kvitova, potrebbe regalare una storica prima medaglia d’oro alla sua nazione, che in 17 edizioni (la prima a Londra 1948) ha raccolto appena 8 medaglie, 6 bronzi e 2 argenti, divisi tra boxe, wrestling e atletica. La 22enne, nata e cresciuta a San Juan, dopo aver tritato Garbine Muguruza e Laura Sigemund (entrambe con un doppio 6-1) ha avuto la meglio di Petra Kvitova con il punteggio di 6-4 1-6 6-3 grazie ad un’altra prestazione semplicemente sublime. Troppi, nel complesso, i 36 errori non forzati della due volte vincitrice di Wimbledon, sprecona nel primo set e poco lucida nella terza e decisiva frazione.


Nessun Commento per “RIO 2016: UNA FAVOLA CHE SFOCIA NEL MITO, PUIG E KERBER IN FINALE”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora