RIO, PARALIMPIADI: LE MEDAGLIE DEL WHEELCHAIR TENNIS

Assegnate le medaglie nella specialità wheelchair tennis: ecco tutti i vincitori

Tennis. Le Paralimpiadi di Rio, che tanta fortuna stanno portando ai colori azzurri, hanno un assoluto protagonista nella specialità wheelchair tennis: Gordon Reid, il britannico n.3 del mondo ha vinto sia la medaglia d’argento in doppio che quella d’oro nel singolare ieri, nel derby contro Alfie Hewitt con una netta affermazione per 6-2, 6-1.

Un 2016 da incorniciare per Reid, vero fenomeno del tennis in carrozzina e che in stagione vanta ben 2 Slam sul taccuino, Australian Open e Wimbledon. 

Si giocavano altre due finali ieri a Rio, quella di doppio femminile e per la medaglia di bronzo nel singolare maschile. Ad aggiudicarsi l’oro nel doppio, che anche in questo caso ha messo in scena un derby, è stata la coppia olandese composta da Griffionen-Van Koot che hanno avuto la meglio delle connazionali Buis-De Groot con lo score finale di 6-4, 6-2.

Il terzo posto e la relativa medaglia di bronzo nel singolare maschile è andata invece al belga Gerard, vincente sul francese Houdet col punteggio anche in questo caso di 6-4, 6-2. 


Nessun Commento per “RIO, PARALIMPIADI: LE MEDAGLIE DEL WHEELCHAIR TENNIS”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Marzo 2017

  • Roger guarda sepre più avanti. Dopo l’incredibile traguardo raggiunto a Melbourne, il favoloso Federer non si pone più limiti e guarda al suo 2017 con occhi nuovi. È tornato a pensare che Wimbledon sia un suo terreno di conquista e spera di riuscire a riprendere le chiavi di quel “giardino incantato”.
  • Rafa vuole il Real Madrid. Un giorno vorrebbe diventare il Presidente del famoso club calcistico madrileno, ha ammesso Nadal, che da sempre ha una grande passione per il pallone. Che stia già pensando al ritiro dal circuito della racchetta.
  • Gli azzurri di Davis sognano. Dalla vittoria di primo turno, fatta registrare in Argentina sulla squadra detentrice dell’insalatiera d’argento, riprende la corsa di una nazionale italiana motivata e generosa, capace di riaccendere l’entusiasmo dei suoi tifosi.