RIO, PARALIMPIADI: LE MEDAGLIE DEL WHEELCHAIR TENNIS

Assegnate le medaglie nella specialità wheelchair tennis: ecco tutti i vincitori

Tennis. Le Paralimpiadi di Rio, che tanta fortuna stanno portando ai colori azzurri, hanno un assoluto protagonista nella specialità wheelchair tennis: Gordon Reid, il britannico n.3 del mondo ha vinto sia la medaglia d’argento in doppio che quella d’oro nel singolare ieri, nel derby contro Alfie Hewitt con una netta affermazione per 6-2, 6-1.

Un 2016 da incorniciare per Reid, vero fenomeno del tennis in carrozzina e che in stagione vanta ben 2 Slam sul taccuino, Australian Open e Wimbledon. 

Si giocavano altre due finali ieri a Rio, quella di doppio femminile e per la medaglia di bronzo nel singolare maschile. Ad aggiudicarsi l’oro nel doppio, che anche in questo caso ha messo in scena un derby, è stata la coppia olandese composta da Griffionen-Van Koot che hanno avuto la meglio delle connazionali Buis-De Groot con lo score finale di 6-4, 6-2.

Il terzo posto e la relativa medaglia di bronzo nel singolare maschile è andata invece al belga Gerard, vincente sul francese Houdet col punteggio anche in questo caso di 6-4, 6-2. 


Nessun Commento per “RIO, PARALIMPIADI: LE MEDAGLIE DEL WHEELCHAIR TENNIS”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora