RIO, PARALIMPIADI: LE MEDAGLIE DEL WHEELCHAIR TENNIS

Assegnate le medaglie nella specialità wheelchair tennis: ecco tutti i vincitori

Tennis. Le Paralimpiadi di Rio, che tanta fortuna stanno portando ai colori azzurri, hanno un assoluto protagonista nella specialità wheelchair tennis: Gordon Reid, il britannico n.3 del mondo ha vinto sia la medaglia d’argento in doppio che quella d’oro nel singolare ieri, nel derby contro Alfie Hewitt con una netta affermazione per 6-2, 6-1.

Un 2016 da incorniciare per Reid, vero fenomeno del tennis in carrozzina e che in stagione vanta ben 2 Slam sul taccuino, Australian Open e Wimbledon. 

Si giocavano altre due finali ieri a Rio, quella di doppio femminile e per la medaglia di bronzo nel singolare maschile. Ad aggiudicarsi l’oro nel doppio, che anche in questo caso ha messo in scena un derby, è stata la coppia olandese composta da Griffionen-Van Koot che hanno avuto la meglio delle connazionali Buis-De Groot con lo score finale di 6-4, 6-2.

Il terzo posto e la relativa medaglia di bronzo nel singolare maschile è andata invece al belga Gerard, vincente sul francese Houdet col punteggio anche in questo caso di 6-4, 6-2. 


Nessun Commento per “RIO, PARALIMPIADI: LE MEDAGLIE DEL WHEELCHAIR TENNIS”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Maggio 2018

  • Nadal senza limiti. Continua a primeggiare il n.1 del mondo, in barba agli infortuni, al nuovo che avanza e anche ai suoi quasi 32 anni. Un fenomeno che si nutre di "mattone tritato".
  • Gli Internazionali di un tennista romano. Nascere ad un passo dal centrale del Foro Italico, scrutarlo, sognarlo e riusicire a calcarlo da beniamino del pubblico. "Core de Roma" Pistolesi racconta il suo sogno diventato realtà.
  • In America qualcosa si muove. I tornei d'oltreoceano giocati a Indian Wells e Miami hanno mostrato un panorama tennistico in movimento, in cui le certezze dei campionissimi traballanno e cominciano a intravedersi sprazzi di futuro.