RIO, PARALIMPIADI: LE MEDAGLIE DEL WHEELCHAIR TENNIS

Assegnate le medaglie nella specialità wheelchair tennis: ecco tutti i vincitori

Tennis. Le Paralimpiadi di Rio, che tanta fortuna stanno portando ai colori azzurri, hanno un assoluto protagonista nella specialità wheelchair tennis: Gordon Reid, il britannico n.3 del mondo ha vinto sia la medaglia d’argento in doppio che quella d’oro nel singolare ieri, nel derby contro Alfie Hewitt con una netta affermazione per 6-2, 6-1.

Un 2016 da incorniciare per Reid, vero fenomeno del tennis in carrozzina e che in stagione vanta ben 2 Slam sul taccuino, Australian Open e Wimbledon. 

Si giocavano altre due finali ieri a Rio, quella di doppio femminile e per la medaglia di bronzo nel singolare maschile. Ad aggiudicarsi l’oro nel doppio, che anche in questo caso ha messo in scena un derby, è stata la coppia olandese composta da Griffionen-Van Koot che hanno avuto la meglio delle connazionali Buis-De Groot con lo score finale di 6-4, 6-2.

Il terzo posto e la relativa medaglia di bronzo nel singolare maschile è andata invece al belga Gerard, vincente sul francese Houdet col punteggio anche in questo caso di 6-4, 6-2. 


Nessun Commento per “RIO, PARALIMPIADI: LE MEDAGLIE DEL WHEELCHAIR TENNIS”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Dicembre 2016

  • Andy Murray entra nel 2017 da "number one". Nessun suddito britannico prima di lui era riuscito a salire in vetta alla classifica dell'Era Open, ma lo scozzese ha invece compiuto l'impresa vincendo le Atp Finals proprio davanti al pubblico londinese.
  • L'Argentina sul tetto del mondo. I sudamericani conquistano per la prima volta la Coppa Davis rompendo il "maleficio" che li aveva visti perdere per ben 4 volte in finale. A fare il tifo sugli spalti c'era anche Diego Armando Maradona!
  • Trump e il tennis. Da sempre grande appassionato dello sport della racchetta, il nuovo Presidente degli Stati Uniti non solo è uno spettatore fisso degli US Open, ma da svariati decenni impugna la racchetta con la stessa determinazione che ha mostrato in campagna elettorale.