ROGER FEDERER, DOPPI AUGURI: IL RIPOSO DEL RE

Roger Federer compie i suoi 35 anni nel momento e nella stagione più difficile della sua carriera

Tennis. Roger Federer spegne le 35 candeline, eppure immaginiamo non avrà una grande voglia di festeggiare: perché anche se hai vinto 17 Slam, decine e decine di tornei, conditi da record di tutti i tipi non ti basta. La fame del campione è quella di averne sempre e comunque, a qualsiasi età e dopo qualsiasi vittoria, elaborando una sorta di avversione per la sconfitta.

Re Roger è questo e lo ha dimostrato, persino quest’anno: la scorsa stagione cedendo le armi solo ad uno straordinario Djokovic in finale a Wimbledon e Us Open, in questa stagione ha poi giocato due Slam centrando comunque le semifinali in ambedue i casi. Dimostrazione di quanto l’elvetico sia ancora competitivo ed anche nella peggior stagione della sua immensa carriera abbia sfiorato l’impresa dello Slam n.18 in particolare ai Championships, quando è andato vicinissimo a superare Raonic e con Djokovic fuori dai giochi sarebbe stato un sogno possibile.

Il mal di schiena, il problema al ginocchio, la voglia di recuperare al meglio: perché il pensiero dello svizzero è stato questo, preservarsi per avere ancora due stagioni davanti a sé. E non vi è dubbio che tutto l’amore che in quest’anno di quasi inattività i fans hanno riservato al campione rosso-crociato abbia ulteriormente alimentato le motivazioni di Roger di ritornare al vertice.

Uscirà per la prima volta dai top ten a distanza di 15 anni, completando una stagione senza titoli come non accadeva da quando divenne professionista: la sensazione, confermata anche in questa tormentata stagione, è che l’acuto possa ancora arrivare. Che sia in uno Slam o in un Master (più probabile), ma il gioco offensivo e verticale di Federer è esattamente quello che serve ad un tennista per garantirsi longevità e costanza ad alti livelli.

Oggi, Roger Federer, compie 35 anni: auguri e…buon riposo Re!


Nessun Commento per “ROGER FEDERER, DOPPI AUGURI: IL RIPOSO DEL RE”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora