ROMA, BOLELLI: “MERITAVO DI PIU'”

Amaro Simone nel dopo-partita ma comunque soddisfatto per la prestazione offerta contro il giovane Thiem, vittorioso solo in un doppio tie-break

Tennis. Amarezza e soddisfazione, seppur moderata, nelle parole di Simone Bolelli dopo il ko subito dall’austriaco Dominic Thiem. 

“Una partita equilibrata girata su pochi tempi, nel secondo set ho sprecato tante palle break. Ho giocato un buon tennis credo, sono soddisfatto ma pieno di rammarico, potevo brekkarlo più volte. Ero 0-40 nel secondo game e 1-0 per me, lì ho i maggiori rimpianti. Lui però variava molto il servizio, complimenti a lui ha anche un gran rovescio”.

Rimpianti che però non mancano, in particolar modo nel proseguo del match: “Ho costruito bene ma ho raccolto meno di quanto seminato. Forse meritavo di più, soprattutto nel secondo set”. Ora testa al doppio, con il fido Fognini al suo fianco: “In doppio potremmo debuttare contro una coppia fortissima io e Fabio, come Kyrgios e Stock, sarà dura. Thiem ha un ottimo futuro, lo vedo completo su tutte le superfici”.


Nessun Commento per “ROMA, BOLELLI: "MERITAVO DI PIU'"”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora