ROMA, BOLELLI: “MERITAVO DI PIU'”

Amaro Simone nel dopo-partita ma comunque soddisfatto per la prestazione offerta contro il giovane Thiem, vittorioso solo in un doppio tie-break

Tennis. Amarezza e soddisfazione, seppur moderata, nelle parole di Simone Bolelli dopo il ko subito dall’austriaco Dominic Thiem. 

“Una partita equilibrata girata su pochi tempi, nel secondo set ho sprecato tante palle break. Ho giocato un buon tennis credo, sono soddisfatto ma pieno di rammarico, potevo brekkarlo più volte. Ero 0-40 nel secondo game e 1-0 per me, lì ho i maggiori rimpianti. Lui però variava molto il servizio, complimenti a lui ha anche un gran rovescio”.

Rimpianti che però non mancano, in particolar modo nel proseguo del match: “Ho costruito bene ma ho raccolto meno di quanto seminato. Forse meritavo di più, soprattutto nel secondo set”. Ora testa al doppio, con il fido Fognini al suo fianco: “In doppio potremmo debuttare contro una coppia fortissima io e Fabio, come Kyrgios e Stock, sarà dura. Thiem ha un ottimo futuro, lo vedo completo su tutte le superfici”.


Nessun Commento per “ROMA, BOLELLI: "MERITAVO DI PIU'"”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2018

  • "King Roger" forever. Ancora, ancora e ancora... a quasi 37 primavere Federer è di nuovo il "number one" del tennis mondiale, quattordici anni dopo la prima volta. Il giusto coronamento di venti stagioni sul Tour condite da venti titoli Slam.
  • Nostalgia Williams. Un inizio 2018 senza le "Black Sisters" protagoniste sul rettangolo di gioco è sembrato sbiadito. Serena ha prolungato il suo "congedo" di maternità, mentre Venus è partita male. Unica apparizione insieme nel doppio di Fed Cup, perso!
  • Evviva il Fognini nazionale. In Coppa Davis il tennista ligure dà sempre il meglio di sé. Decisivo il suo apporto per superare il Giappone al 1° turno, ma nei quarti previsti a Genova dovrà superarsi guidando l'Italia contro i francesi campioni in carica.