ROMA, BOLELLI: “MERITAVO DI PIU'”

Amaro Simone nel dopo-partita ma comunque soddisfatto per la prestazione offerta contro il giovane Thiem, vittorioso solo in un doppio tie-break

Tennis. Amarezza e soddisfazione, seppur moderata, nelle parole di Simone Bolelli dopo il ko subito dall’austriaco Dominic Thiem. 

“Una partita equilibrata girata su pochi tempi, nel secondo set ho sprecato tante palle break. Ho giocato un buon tennis credo, sono soddisfatto ma pieno di rammarico, potevo brekkarlo più volte. Ero 0-40 nel secondo game e 1-0 per me, lì ho i maggiori rimpianti. Lui però variava molto il servizio, complimenti a lui ha anche un gran rovescio”.

Rimpianti che però non mancano, in particolar modo nel proseguo del match: “Ho costruito bene ma ho raccolto meno di quanto seminato. Forse meritavo di più, soprattutto nel secondo set”. Ora testa al doppio, con il fido Fognini al suo fianco: “In doppio potremmo debuttare contro una coppia fortissima io e Fabio, come Kyrgios e Stock, sarà dura. Thiem ha un ottimo futuro, lo vedo completo su tutte le superfici”.


Nessun Commento per “ROMA, BOLELLI: "MERITAVO DI PIU'"”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Dicembre 2017

  • Dimitrov e Wozniacki "Maestri". Due veterani del tour ancora in parte inespressi, che a fine stagione hanno saputo cogliere il momento propizio. Nel 2018 sono comunque attesi alla prova del nove, magari un trionfo Slam...
  • Chi è Hyeon? Di cognome fa Chung, è coreano ed è più che coriaceo in campo. Qualità, quest'ultima, che gli è valsa la vittoria alla prima edizione delle "Next Gen" meneghine. Adesso lo aspettano i "grandi".
  • Giochi di squadra. Dopo oltre tre lustri, Francia e Stati Uniti riconquistano rispettivamente la Coppa Davis e la Fed Cup. Onore al merito dei due capitani ex giocatori, Yannick Noah e Kathy Rinaldi, che hanno saputo ricompattare e motivare le loro gloriose compagini.