ROMA, DJOKOVIC PASSA SU BEDENE

Nole batte il britannico in due set, Roma attende ora Murray-Fognini. Il resoconto del martedì degli Internazionali d'Italia

TENNIS – La prima risposta da parte di un big arriva nel pomeriggio del martedì, aspettando ciò che avrà da dire l’antagonista. Giornata intensa sulla terra rossa del Foro Italico, dove gli Internazionali d’Italia vedono completarsi il day-two. Sotto i riflettori c’è Novak Djokovic, che lancia la prima avvisaglia ad Andy Murray in attesa del suo match serale contro il padrone di casa Fabio Fognini.

Nole parte con il piede giusto e supera in due set Aljaz Bedene, avversario non proprio comodo per buona parte del circuito, ma decisamente abbordabile per il tasso tecnico e l’esperienza del serbo. 7-6 6-2 il punteggio finale, con il giocatore naturalizzato britannico che attua immediatamente il contro-break dopo lo scivolone del primo game. Al tie-break è Djokovic il più lucido, che chiude 7-2 dopo aver sprecato un set point. Nel secondo, invece, la strada si fa in discesa: due turni di battuta strappati a Bedene e chiusura in scioltezza.

Bastano due set anche a Tomas Berdych e Marin Cilic, che continuano la propria marcia a Roma. Il ceco batte in due set Carlos Berlocq: l’argentino cede con il punteggio di 6-3 6-4. Ancor più soft l’impegno del croato, che invece si impone sull’americano Harrison con un eloquente 6-3 6-2. Risponde presente anche Pablo Carreno-Busta, con un doppio 6-3 su Gilles Simon in uno dei match sulla carta più equilibrati di giornata.

Servono tre set ad altri due protagonisti attesi al Foro Italico. David Goffin è costretto a rimontare un generoso Fernando Verdasco, che va avanti 6-3 al primo set, prima di subire la rimonta del belga: 6-3 6-2 nei due parziali successivi. Pomeriggio complicato anche per Alexander Zverev, che supera Kevin Anderson con il risultato di 6-4 4-6 6-4. Stesso discorso per David Ferrer nel derby tutto spagnolo con Feliciano Lopez: rimonta e vittoria 4-6 6-3 6-1.

Spiccano anche le vittorie di Benoit Paire, Roberto Bautista-Agut e soprattutto Tommy Haas: il tedesco batte in tre set Escobedo dopo un inizio scintillante, con il 6-0 ai danni dell’americano, che poi rimonta 6-4 e cede al tie-break del terzo 7-1. Meglio il francese, che vince il derby con Nicolas Mahut, 6-3 6-4 il finale. Bene anche lo spagnolo, che sfrutta il ritiro di Kyrgios per battere Dolgopolov con un netto 6-4 6-2. La truppa americana, perso Escobedo, si riscatta con Isner e Sock: John batte Florian Mayer con due tie-break chiusi 7-4, Jack si impone su Schwartzman 7-5 al terzo. Chiude il successo di Cuevas su Mannarino, autore di un gran dropshot con la pallina che ritorna nel suo campo e strappa gli applausi del pubblico.

Il programma di giornata si chiuderà con Murray-Fognini, mentre domani una nuova tabella di marcia vedrà in campo Nishikori, Del Potro, Nadal, Raonic e Wawrinka: un pokerissimo d’alta classe per tenere alti il tasso tecnico e la concentrazione del Foro Italico.


Nessun Commento per “ROMA, DJOKOVIC PASSA SU BEDENE”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora