SAN VALENTINO SOTTO RETE

Latitanti. Ecco il comportamento social di tennisti e tenniste nella giornata della festa degli innamorati. Un atteggiamento ambiguo e controcorrente rispetto alle cascate di tweet e post tipiche dei giorni di festa.

Tennis – Sarà il weekend di Fed Cup da poco concluso, sarà che si sta giocando il Wta di Doha, gli Atp di Buenos Aires, Rotterdam e Memphis, ma si nota un bassissimo coefficiente di romanticismo tra le donne della Wta e tra gli uomini dell’Atp nel giorno di San Valentino. Se volessimo procedere in base al ranking femminile, dovremmo arrivare infatti alla numero 8 del mondo Svetlana Kuznetsova per rintracciare un messaggio di buon augurio per la festa degli innamorati: “Cari amici, buon San Valentino – scrive la russa sul suo profilo Instagram postando una sua foto – vi auguro di amare ed essere amati e di apprezzare ciò che avete”. Messaggio scritto in inglese e replicato poi in cirillico. Meno male, altrimenti non avremmo potuto darne nemmeno notizia. Un messaggio in meno ai pochi già postati sui social network. Non scrive un post nemmeno Flavia Pennetta, che pure ieri aveva twittato: “Questi bacini (anche se virtuali) rendono più bello il lunedì” postando un collage di foto del suo Fabio Fognini. Non manca, tuttavia, un bel tweet di Maria Sharapova. La siberiana, attualmente ai box per squalifica, cura la propria immagine e anche i propri affari. Il suo cinguettio è una celebrazione della festa degli innamorati, ma è anche un mezzo pubblicitario per la tanto decantata linea di caramelle Sugarpova.

Lo stesso fa Fabio Fognini approfitta del mezzo Twitter per celebrare il proprio amore per Flavia Pennetta: “Perché tu sei l’amore e insieme a te c’è la mia gioia più grande…il più grande regalo del mondo” scrive l’azzurro. Peccato solo che a corredo di tale post ci sia una foto in cui il nostro portacolori stringe in mano un noto prodotto cosmetico. È vero che la confezione suddetta celebra l’amore tra il genovese e Flavia Pennetta, ma è altrettanto vero che si tratta anche – e soprattutto forse – di una bella trovata pubblicitaria.

Ci siamo capiti bene. I tennisti non hanno tempo – e nemmeno voglia evidentemente – di celebrare la festa degli innamorati. Eppure ci sono periodi e ricorrenze in cui cascate di tweet, di post e tutto quanto interviene a costruire una reputazione via social inondano di fatto le bacheche e i profili degli sportivi con la racchetta. È curioso che i cinguettii di personaggi di primo piano del mondo del tennis come Sharapova e lo stesso Fognini siano legati in qualche misura alla pubblicità di un prodotto e che dietro essi non vi sia soltanto – è questa l’impressione che ne viene fuori – la voglia di condividere un augurio. Per non parlare del fatto che risulta evidentemente impossibile trovare qualcuno dei migliori tennisti del mondo che abbiano scritto qualcosa, condiviso una foto o uno stato. Tutto molto strano. Forse in ambito Wta e Atp è in corso un boicottaggio – affermazione azzardata – della festa di San Valentino? O forse, come detto in precedenza, i tennisti non hanno tempo per scrivere qualcosa? Non è dato saperlo. Quello che si emerge da questo comportamento quantomeno ambiguo dei nostri beniamini è che probabilmente non esistono più i romantici. O che forse non c’è tempo per esserlo.

Foto: Maria Sharpova è stata una delle poche tenniste ad augurare Buon San Valentino (www.zimbio.com)


Nessun Commento per “SAN VALENTINO SOTTO RETE”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".