SCHIAVONE AVANTI TUTTA, GIORGI ELIMINATA

TENNIS - La milanese protagonista di una vittoria in rimonta sulla giovane Cepelova. Camila costringe la Robson al terzo set, ma poi capitola. Vittorie anche per Kuznetsova e Hantuchova

Tennis. Miami (Florida). Seconda giornata di primi turni nel tabellone femminile di Key Biscayne. La truppa delle italiane perde un primo pezzo con la sconfitta di Camila Giorgi che in serata era impegnata in un duro confronto contro la promessa britannica Laura Robson. Il match tra le due, che non si erano mai incontrate prima d’ora, si è rivelato altalenante. Il pallino del match è passato per più d’una volta da una parte all’altra della rete, ma alla fine è stata la giovane tennista di sua Maestà a spuntarla in tre tirati set. Peccato per la ventunenne originaria di Macerata, che in questo 2013 deve ancora vincere un incontro, la quale non ha saputo imporre il suo servizio devastante se non in minima parte nel secondo set. L’azzurra infatti non è riuscita a mantenere mai il turno di battuta nel primo parziale dove i due soli punti che ha ottenuto sono arrivati in risposta. Subito dopo il fondamentale ha cominciato a dare i frutti sperati ed infatti la Giorgi ha iniziato anche a macinare gioco pur soffrendo i colpi mancini dell’avversaria riuscita ad innalzarsi 3-2 nel secondo set. A questo punto Camila è salita in cattedra realizzando un filotto di dieci punti con cui si è riportata alla pari con la britannica nel novero dei parziali. In quello decisivo la nostra atleta non è riuscita però a mantenere alti i suoi livelli, subendo un rapace uno-due dalla sua avversaria, innalzatasi 2-0, cui però è stata capace di rimediare quando ha riequilibrato la situazione attestandosi sul 3 pari. A questo punto però Robson ha messo a segno il break decisivo che in pratica le ha garantito il passaggio del turno.

Ci ha pensato Francesca Schiavone a tenere alte le sorti azzurre vincendo in rimonta il suo debutto contro la qualificata Jana Cepelova. La tennista milanese in questo 2013 ha collezionato solo un quarto di finale ad Acapulco, mentre la scorsa settimana ad Indian Wells è stata un po’ tradita dal tabellone che al secondo turno le aveva riservato l’incontro proibitivo con Maria Sharapova. Qui a Miami vanta due ottavi di finale (2011, 2004). Comincia tuttavia in salita l’incontro perché nel primo set la diciannovenne slovacca dimostra di essere in palla e di avere tutte le intenzioni di giocarsela fino in fondo, serve meglio, mette più prime in campo ed aggredisce molto le numerose seconde di servizio dell’italiana. L’esito è scontato con Francesca che soffre un po’ l’irruenza della giovane avversaria la quale si innalza 7-5. Nel secondo parziale la slovacca si mantiene su alti livelli, ma spreca molto di più, di contro Schiavone diventata molto più aggressiva in risposta strappa un servizio in più e riporta in parità il match (6-4). Le prime non assistono la ex numero 7 del mondo che però fa di necessità virtù e con grande cinismo mette a segno il break decisivo che le consente di chiudere set (6-4) e match. Ora per lei l’impegnativo scontro con Angelique Kerber.

DI tutt’altro esito l’esordio di Svetlana Kuznetsova. La numero 45 del mondo, vincitrice del torneo nel 2006, in settanta minuti si è sbarazzata abbastanza agevolmente della spagnola Lourdes Dominguez-Lino con un doppio 6-3. Solida la russa nel portare a casa i punti importanti con il servizio, molto efficace anche in risposta. Complessivamente dovrà fronteggiare solo due palle break, una per set, prima di portare a casa la vittoria numero 4 contro la 31enne iberica. Daniela Hantuchova non vanta una tradizione molto positiva al torneo di Miami avendo collezionato in carriera come unico best placement un ottavo di finale nel 2010 quando fu battuta da Venus Williams in tre set. Il debutto della sua 14esima partecipazione consecutiva qui in Florida è stato tutto sommato soft, dato che Tsvetana Pironkova non ha opposto molta resistenza concedendosi al 6-2 6-4 finale. Performanca importante per la slovacca in risposta dove in pratica si è costruita il successo di oggi facendo fruttare quattro delle sette palle break procuratesi nel match. La ex numero 8 del mondo andrà ora ad affrontare la numero uno d’Italia Sara Errani al secondo turno. Sconfitta pesante invece per Sabine Lisicki. La finalista di Memphis e Pattaya City si è dovuta infatti arrendere a Simona Halep in tre set. Le due tenniste si sono tutto sommato equivalse nel corso del match, alla 21enne rumena va dato però il merito di aver prevalso nella battagli di nervi del terzo parziale dove è riuscita a strappare un break in più dell’avversaria che le ha consentito di staccare il ticket per il secondo round. Soddisfazione per la padrona di casa Jamie Hampton che spinta dal suo pubblico ha rifilato un perentorio 6-4 6-3 a Monica Niculescu. Sconfitta senza appello per l’altra rumena in tabellone che pure ha messo un numero più alto di prime in campo della statunitense accusando però una certa mancanza di incisività. L’attuale numero 68 del mondo è riuscita invece con molto più cinismo a portare a casa ben cinque delle sei opportunità di palle break costruitesi. Un doppio 6-3 anche per la qualificata Stefanie Voegele che con questo risultato ha ragione della 22enne croata Petra Martic. Per quest’ultima rimane senz’altro il rimpianto di aver concretizzato molto poco a dispetto delle occasioni create.

Un’altra soddisfazione per il tennis femminile elvetico è il passaggio del primo turno da parte della più navigata esponente Romina Oprandi che in tre set rintuzza gli attacchi dell’olandese Arantxa Rus. Vittoria più che altro d’esperienza per Oprandi che in due ore e diciannove minuti si garantisce l’incontro di secondo turno con Lucie Safarova. Termina nettamente a favore di Karolina Pliskova il derby ceco con Lucie Hradecka. La 22enne numero 92 del mondo si impone per 6-2 6-1 lasciando alla connazionale avversaria solo le briciole in un match praticamente dominato. Garbine Muguruza in questa edizione del Wta di Miami usfruisce di una wild card e per ora la sta facendo fruttare. L’iberica ha lottato per tre set ed alla fine l’ha spuntata contro la qualificata Katerina Siniakova. La sedicenne ceca ha avuto comunque il merito di tenerle testa. Prosegue il cammino di Magdalena Rybarikova che con un netto 6-2 6-4 manda a casa la qualificata Mallory Burdette. Olga Govortsova ha il suo bel da fare per scoraggiare le pretese di vittoria della 30enne ungherese Melinda Czinck. La bielorussa è emersa alla distanza e dopo aver perso il primo parziale si è assicurata il passaggio del turno vincendo gli ultimi due in rimonta. Sorella d’arte, ma con una presenza sempre più consistente nei main draw dei maggiori tornei, Urszula Radwanska ha lasciato 4 giochi ad Annika Beck e si appresta ora ad affrontare Ana Ivanovic in un interessante match di secondo turno. Esce dal tabellone di singolare anche Andrea Hlavackova sconfitta in due duri set da una wild card statunitense, la diciassettenne Victoria Duval che si è imposta 7-6(4) 6-4. La terza tennista a stelle e strisce ad accedere al secondo turno è stata Bethanie Mattek-Sands che ha superato nell’incontro di primo turno la ventenne portoricana Monica Puig insignita di una wild card per prender parte alla competizione. Vittoria in due set per la numero 131 del mondo. Decisamente più ostico il match in cui Anabel Medina Garrigues ha avuto la meglio su Alexandra Dulgheru. Incontro durato esattamente tre ore e che ha visto prima la rumena portarsi in vantaggio di un set per poi cedere alla distanza al ritorno di gran carriera della 30enne iberica la quale ha portato così in pari lo score degli scontri diretti. Porta a casa il secondo incontro del 2013 la non ancora diciassettenne Donna Vekic battendo Yulia Putintseva, anch’essa emersa dalle qualificazioni. Incontro suggestivo quello avvenuto tra la croata e la kazaka, 34 anni in due, sicure protagoniste del tennis femminile di domani la cui fucina sembra essere in continua attività. Tornando alla partita Vekic dopo essersi scambiata 4 break con l’avversaria vince un importante tie break nel primo set per poi dilagare nel secondo quando ruba per ben tre volte il servizio alla Putintseva chiudendo facile 6-0. Restando in campo under 20 c’è da riportare l’ottimo successo di Eugenie Bouchard. La canadese ha sofferto per un set contro l’israeliana Shahar Peer per poi rimontare alla grande infliggendo un netto 6-1 6-4 nel secondo e terzo parziale. Yaroslava Shvedova ha ceduto in due set alla 29enne Jie Zheng che si è imposta per 7-5 6-4. Facili le vittorie delle padrone di casa Christina McHale e Madison Keys, la prima ha lasciato 3 game ad Annette Kontaveit la seconda ha inflitto un doppio 6-0 alla connazionale Allie Kiick. Trionfo più complicato invece per Silvia Soler-Espinosa che ha avuto bisogno di tre set per regolare Pauline Parmentier ed accedere così al secondo turno.

Di seguito tutti i risultati:

Sony Open Tennis, Miami – Primo Turno

Romina Oprandi d Arantxa Rus 6-4 3-6 6-3

Karolina Pliskova [Q] d Lucie Hradecka 6-2 6-1

Garbine Muguruza [W] d Katerina Siniakova [Q] 6-2 3-6 6-4

Magdalena Rybarikova d Mallory Burdette [Q] 6-2 6-4

Olga Govortsova d Melinda Czink [Q] 3-6 6-3 6-2

Stefanie Voegele [Q] d Petra Martic  6-3 6-3

Daniela Hantuchova d Tsvetana Pironkova 6-2 6-4

Simona Halep d Sabine Lisicki  6-2 6-3

Svetlana Kuznetsova d Lourdes Dominguez-Lino 6-3 6-3

Urszula Radwansksa d Annika Beck  6-3 6-1

Victoria Duval [W] d Andrea Hlavackova 7-6(4) 6-4

Jamie Hampton d Monica Niculescu 6-4 6-3

Laura Robson d Camila Giorgi 6-2 4-6 6-3

Bethanie Mattek-Sands d Monica Puig [W] 6-4 7-5

Anabel Medina-Garrigues d Alexandra Dulgheru 5-7 6-4 7-6(3)

Donna Vekic [Q] d Yulia Putintseva [Q] 7-6(4) 6-0

Eugenie Bouchard [W] d Shahar Peer 4-6 6-1 6-4

Jie Zheng d Yaroslava Shvedova 7-5 6-4

Christina McHale d Annette Kontaveit [W] 6-2 6-1

Madison Keys [W] d Allie Kiick [Q] 6-0 6-0

Silvia Soler-Espinosa d Pauline Parmentier  6-0 6-7(2) 6-2

Francesca Schiavone d Jana Cepelova [Q] 5-7 6-4 6-4


Nessun Commento per “SCHIAVONE AVANTI TUTTA, GIORGI ELIMINATA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • INDIAN WELLS, TAYLOR TOWNSEND ALLA CARICA TENNIS - Nella giornata che ha chiuso il primo turno del BNP Paribas Open brilla il debutto della più giovane tennista di questa edizione che ha la meglio in tre set su Lucie Hradecka. […]
  • VINCI ED ERRANI SI, SCHIAVONE NO, AZARENKA KO TENNIS - In una Miami ricca di presenze italiane, Roberta Vinci e Sara Erani superano il secondo turno. La tarantina strappa il successo al terzo set contro la statunitense McHale, mentre […]
  • TRA PRIME E SECONDE GIOVINEZZE TENNIS - Campionesse definite troppo frettolosamente “ex” che risorgono, giocatrici vicine alla trentina che dopo anni di paralisi tagliano traguardi inaspettati, mentre il “mare delle […]
  • CHARLESTON AMARA PER LA ITALIANE TENNIS - Dopo la netta sconfitta con Serena Williams, anche l'ultima rappresentante del tennis azzurro, Camila Giorgi, abbandona il torneo; perde anche la Stephens. A Monterrey tutto […]
  • CRISI WOZNIACKI, FRANCESCA SI, LE ALTRE NO La numero uno del mondo cede all'esordio contro la wild card McHale. Schiavone lotta ed elimina Kirilenko, perdono Pennetta ed Errani, forfait Serena
  • WTA MIAMI, PER SARITA C’È DI NUOVO SHARAPOVA TENNIS - Il main draw femminile di Key Biscayne vede il ritorno in campo di Serena Williams e Na Li impegnate nello stesso quarto di tabellone. Masha ancora dalla parte di Errani, Vinci […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".