SCOMMESSE: AUSTRALIAN OPEN 2015, DAY 10

Quarto di finale nel primo Slam dell'anno fra Stanislas Wawrinka e Kei Nishikori, ecco la nostra analisi con annesso pronostico.

 

Tennis – Seconda parte dei Quarti di Finale nello Slam Australiano, due gli incontri in programma, noi abbiamo i nostri favoriti per le scommesse.

Wawrinka – Nishikori

Rivincita dei quarti di finale degli US Open 2014, si sfidano due fra i migliori tennisti al mondo: Stanislas Wawrinka e Kei Nishikori. Lo svizzero, numero 4 del mondo, sfida il  numero 5 del ranking Atp come sfavorito ma l’esito è davvero incerto.

Nishikori che ha approfittato finalmente di un’annata senza infortuni per esprimere il suo miglior tennis e la differenza si è vista: ingresso in top 10 fino a conquistare la quinta posizione nelle classifiche generali. Il nativo di Shimane ha vinto su Almagro (3set), Dodig e Johnson (entrambi regolati in 4 set). Il più impegnativo Ferrer ha evidenziato l’ottimo stato di forma del nipponico che si è ancora una volta imposto in 3 parziali con un netto e triplo 6-3.

Wawinka ha eliminato Ilhan, Copil e Nieminen, solo Garcia Lopez ha dato filo da torcere all’elvetico che ha vinto al quarto parziale dopo 2 tiebreak.

Il nipponico sta facendo vedere grandi cose, sta suggellando le proprie vittorie con belle prestazioni e convince sempre di più, al contrario, Wawrinka fino ad ora non ha ancora affrontato un avversario di peso.

Testa a testa

I precedenti vedono in vantaggio Wawrinka per 2-1. Due vittorie nel 2012 ma Nishikori si è reso protagonista di un match fantastico agli U S Open del 2014 vincendo al quinto parziale.

Analisi del match

 

Sfida estremamente equilibrato. Nonostante i precedenti e la classifica, il nipponico è leggermente favorito,

Wawrinka dà il meglio di sé negli scambi brevi sfruttando una buona battuta e quello che viene dfeinito da molti il del miglior rovescio ad una mano del circuito.

Nishikor, invece, si piazza a fondocampo e “rema” innalzando un vero e proprio muro difensivo, dotato di un gran rovescio a due mani ed uno spiccato senso tattico, è certamente un avversario duro da affrontare su tutte le superfici.

La diagonale di rovescio, appunto, spesso porta punti preziosi all’elvetico che però trova dall’altra parte della rete un giocatore che a livello di piazzamento in campo è secondo solo ai top 3. Wawrinka è un tennista votato all’attacco ed ha un’indole aggressiva in campo che a volte lo porta a commettere qualche errore di troppo, più solido,invece, il suo avversario che difficilmente commette errori gratuiti calibrando bene le traiettorie e tessendo una lunga rete di scambi.

Molto dipenderà dalle condizioni dei due tennisti in campo, vincerà chi avrà più forza nel braccio e nelle gambe (senza sottovalutare la componente psicologica che spingerà probabilmente Nishikori ad andare più in fondo possibile dopo la sconfitta amara dello Slam americano). Dovrebbe comunque essere una partita equilibrata, ci aspettiamo un match simile a quello dei quarti dello US Open. possibile ipotizzare almeno 4 set.

Consiglio principale: OVER 38,5 GAMES @1,58 7-10

Consiglio secondario: Nishikori @1,75   stake 6-10


Nessun Commento per “SCOMMESSE: AUSTRALIAN OPEN 2015, DAY 10”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora