SCOMMESSE: AUSTRALIAN OPEN 2015, DAY 4

Secondo turno del primo Slam stagionale. Due gli incontri proposti che presentano quote interessanti

Tennis – Secondo turno degli Australian Open 2015, tanti i match in programma, alcuni con quote molto interessanti

Bilancio dall’inizio delgi A.O. : -2.5 unità

LOPEZ – MANNARINO

Stato di forma:

Uno dei pochi spagnoli a destreggiarsi bene sui campi veloci è Feliciano Lopez. Lo spagnolo ha un buon feeling con la rete ed è dotato di un gran tocco di palla che gli hanno permesso di vincere i tornei di Johannesburg e Vienna nel 2010 e nel 2004 oltre ad aver raggiunto varie finali sempre sul veloce (Memphis, Dubai, New Haven). L’incontro con Kudla vinto al 5 è la prova che non è il momento fisico migliore per l’iberico.

Mannarino è dotato di un mancino niente male che gli ha permesso di stazionare come numero 44 del ranking mondiale. Per lui un ottimo torneo ad Auckland perso contro Vesely in finale e un gran primo turno contro Rola, superato per 3-0.il francese si è dedicato tanto alla categoria Challenger collezionando 5 vittorie in carriera nel circuito minore.

Testa a testa

Due i precedenti ed entrambi a favore di Feliciano il quale si è imposto a Segovia per 2-0 nel 2009 e a Delray Beach nella passata stagione vincendo per 2-1.

Analisi della partita

Duello fra mancini, Lopez predilige i cambi di variazione per poi aggredire la rete sfruttando dei fastidiosissimi back. Le traiettorie arcuate dello spagnolo sono difficili da controllare certe volte. Mannarino è alla 36esima posizione mondiale, a 20 lunghezze in classifica da Lopez (14 del ranking) e non è dotato di un servizio lavorato come quello del tennista di Toledo.

Il periodo di forma sorride a Mannarino ma l’esperienza e la tecnica pendono dalla parte opposta.

Consiglio principale: Lopez  @1,85 stake 6/10

 

DODIG – NISHIKORI

Stato di forma

Il numero 5 del mondo ha firmato l’ennesima vittoria in carriera regolando Nicolas Almagro per 3 set a 0.  Kei Nishikori ha vissuto un 2014 da incorniciare e la coscienza dei propri mezzi è cresciuta esponenzialmente partita dopo partita. Ottimi i risultati sul cemento: indimenticabile lo US Open dove ha eliminato tennisti blasonati come Stanislas Wawrinka e Novak Djokovic prima di perdere in Finale contro Cilic.

Per il nipponico, nella sola passata stagione, sono arrivati i titoli a Tokyo, Kuala Lumpur, Barcellona e Memphis a dimostrazione che il nativo di Shimane è un avversario completo e ostico anche sul cemento.

Ivan Dodig è calato notevolmente ma se si vedono gli ultimi 5 anni, l’essere altalenante è una costante per il wSouza per 3-0.

Testa a testa

I due giocatori si sono sfidati già 4 volte, il nipponico ha sempre prevalso senza perdere mai un set (nel 2012 in Davis, sul cemento di Basilea nel 2013 e nel 2014 a Madrid e Tokio).

Analisi della partita

Un match che sulla carta vede nettamente favorito il tennista giapponese. Nishikori ha tecnica, cuore e gambe per risolvere ogni situazione e il match contro Almagro, buon battitore, ha esaltato le sue doti atletiche e difensive. Dodig dovrà fare una gara diligente per arginare l’avversario ma l’impressione è che dagli scambi da fondo il croato faticherà non poco per restare nello scambio.

Consiglio principale: Nishikori 3-0 @1,55 stake 6/10


Nessun Commento per “SCOMMESSE: AUSTRALIAN OPEN 2015, DAY 4”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora