SCOMMESSE: AUSTRALIAN OPEN 2015, DAY 5

L'Australian Open entra nel vivo con i sedicesimi di finale, due le partite da tenere in considerazione per le scommesse

Tennis – Terzo turno degli Australian Open 2015, ecco proposti altri 2 match interessanti che portano ad una quota totale di 1,85.

Bilancio dall’inizio delgi A.O. : -3.5 unità

ANDERSON – GASQUET

Stato di forma:

L’Australian Open entra nel vivo con il terzo turno. Ottimo l’approccio allo Slam australiano per il trancese RIchiard Gasquet il quale ha superato Berlocq e Duckworth per 3-0 (contro l’australiano senza mai cedere il servizio). I problemi fisici e la discontinuità sono sempre stati una costante del francese ora numero 28 del mondo (ma la sua vera classifica non è certo quella attuale).

Kevin Anderson è numero 14 del mondo, il tennista sudafricano è a suo agio sulle superfici veloci che avvantaggiano il suo servizio e il dritto. Per lui un buon torneo ad Auckland e una buona prima parte di questo AO. Nel primo turno 3-1 contro Schwartzman e il secondo turno vinto 3-0 contro Berankis evidenziano una discreta forma fisica.

Testa a testa

Ben cinque i precedenti fra i due giocatori (sempre sul cemento). In netto vantaggio il francese che comanda per 4-1. L’ultimo match disputato risale al Marzo 2014 a Miami (2-0 per Gasquet), per gli altri bisogna scorrere fino al 2012.

Analisi della partita

Meglio Anderson al servizio ma a livello di tecnica non si scherza con Gasquet: il francese possiede un controllo palla e soprattutto un rovescio ad una mano davvero invidiabile. L’eterna promessa del tennis transalpino che non sembra mai essere esploso del tutto, può fare bene anche con un avversario dotato di una classifica migliore.

Consiglio principale: Gasquet @1,45 stake 6,5/10

 

TOMIC -GROTH

Bernard Tomic sta impressionando per la continuità di risultati in questo inizio stagione. Il talento australiano sembra essere tornato sulla retta via dopo un paio d’anni d’ombra.  L’occasione è ghiotta per il 22ennedi Stoccarda che avrà decisamente voglia di bissare il successo dello scorso turno ottenuto contro Philipp Kohlschreiber  dopo aver superato Kamke al match d’esordio. Per l’australiano, inoltre, sono arrivate 2 belle vittorie anche a Brisbane contro Querrey e Kokkinnakis (sempre in 2 set) prima di infrangersi contro Kei Nishikori.

Sam Groth ha conquistato gli scalpi di Krajinovic e Kokkinakis (quest’ultimo match vinto duramente al 5 set). Australian Open di tutto rispetto dunque per il classe ’87 di Narrandera che sfida il connazionale in una sfida tattica e che vedrà opporsi due buoni battitori.

Precedenti

Un solo precedente fra i due giocatori, nel 2011, dove Tomic si impose per 2-0 a Burnie.

Analisi della partita

Il Tomic ammirato lo scorso turno contro Philipp Kohlschreiber   ha impressionato molti: il numero 66 del mondo ha subito l’offensiva del teutonico a lungo ma poi ha superato lo scoglio con colpi magistrali e restando stoicamente attaccato al match lottando su ogni palla, il pubblico è diviso ma ha un suo favorito, così come lo abbiamo noi.

Consiglio principale: Tomic  @1,3 stake 6/10 (da giocare in doppia con Gasquet)


Nessun Commento per “SCOMMESSE: AUSTRALIAN OPEN 2015, DAY 5”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora