SCOMMESSE, LESTIENNE: “TRATTATO COME UN CRIMINALE”

Constant Lestienne si prepara al ritorno in campo, ma non dimentica i giorni da incubo dopo la scommessa piazzata sulla semifinale del Roland Garros

TENNIS – Sono bastati poco meno di tre euro per compromettere più di un anno e mezzo di carriera. Il caso di Constant Lestienne è salito alla ribalta per via dell’edizione 2015 del Roland Garros, ma non per meriti sportivi. Un incubo lunghissimo, ma che sembra ormai destinato ad essere superato con il ritorno in campo nella prossima annata. Adesso, quella scommessa piazzata durante la seconda prova dello Slam sta per essere definitivamente posta nel dimenticatoio.

È stato il momento più buio della mia vita – spiega Lestienne a L’Èquipenon riuscivo a credere a ciò che stesse succedendo. Ho dovuto affrontare un’intervista di 90 minuti, sono stato sottoposto a registrazioni ed interrogatori, rispondendo a domande delle quali, sinceramente, non mi ero nemmeno posto l’esistenza per un contesto del genere. Sono stato trattato esattamente come un criminale. Mi hanno fatto capire che avevo infranto la legge, ma sono arrivati a chiedermi se avessi più schede telefoniche, se avessi installato questa o quella applicazione su uno smartphone o se conoscessi determinate persone all’interno di un contesto illecito. Non mi ha spaventato tanto la lunghezza delle procedure, sono consapevole del fatto che ognuno stesse svolgendo il suo lavoro, quanto dell’invadenza di queste indagini. Sono rimasto profondamente scosso da tutta la vicenda“.

Il tennista francese è stato squalificato per sette mesi dall’ITF e adesso, dopo un periodo di riassestamento, sta provando a rientrare nella top 100 del ranking ATP. I problemi sono iniziati quando Lestienne ha puntato sugli ultimi 2,90 € del suo conto BetClic sulle due semifinali del Roland Garros 2015, ovvero Wawrinka-Tsonga e Djokovic-Murray. Da qui è partito un flusso di scommesse precedenti che hanno visto il giocatore coinvolto in una serie di match nei quali, però, non era protagonista in alcun modo. La squalifica è maturata a causa di una firma di approvazione apposta sulla carta della Tennis Integrity Unit, che aveva tra le ipotesi di squalifica proprio le scommesse online.

La lenta risalita attraverso i tornei minori ha portato Lestienne al numero 165 della classifica mondiale, mettendo nel mirino l’ingresso tra i migliori 100 del circuito maschile. La stagione 2017 potrà essere quella del definitivo riscatto, dimostrando di essere uscito da un periodo nerissimo della sua carriera e, più in generale, della sua vita. La sfida è appena cominciata.


Nessun Commento per “SCOMMESSE, LESTIENNE: "TRATTATO COME UN CRIMINALE"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • LESTIENNE, 7 MESI DI SQUALIFICA PER SCOMMESSE Giocate piazzate su 220 eventi di tennis in un arco di circa tre anni: squalificato e multato Constant Lestienne, ma godrà di una condizionale
  • RICCI BITTI: SCOMMESSE? NON SIAMO UN SPORT MARCIO Il numero uno del tennis mondiale: "Abbiamo studiato il fenomeno delle combine e ora siamo un modello". Eppure, "anche i Governi e le agenzie di scommesse devono venirci incontro". Per […]
  • MONFILS-TSONGA, LA FRANCIA SPERA IN VOI Gael e i suoi calcoli in vista di Roma, torneo che potrebbe saltare in caso di testa di serie al Roland Garros. Jo-Wilfried è già con la testa a Parigi? Il transalpino promette battaglia […]
  • RG, SERENA WILLIAMS: “È UN SOGNO” La Williams centra il ventesimo titolo del Grande Slam battendo Lucie Safarova nella finale del Roland Garros. "Ho accusato un po' di nervosismo, ma tutto è bene quel che finisce bene", ha […]
  • CHANG: “NISHIKORI? PUÒ VINCERE OGNI SLAM” L'ex tennista americano elegge il giapponese autentico spauracchio per il 2015: "Ha le potenzialità per imporsi su qualsiasi superficie, non mi stupirei se dicesse la sua nei quattro […]
  • DJOKOVIC: “DOPO PARIGI MI SERVONO STIMOLI” Vincere aiuta a vincere, ma a quanto pare non funziona così per Djokovic: il serbo parla della sua estate sottotono, cercando nuove sfide

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Dicembre 2016

  • Andy Murray entra nel 2017 da "number one". Nessun suddito britannico prima di lui era riuscito a salire in vetta alla classifica dell'Era Open, ma lo scozzese ha invece compiuto l'impresa vincendo le Atp Finals proprio davanti al pubblico londinese.
  • L'Argentina sul tetto del mondo. I sudamericani conquistano per la prima volta la Coppa Davis rompendo il "maleficio" che li aveva visti perdere per ben 4 volte in finale. A fare il tifo sugli spalti c'era anche Diego Armando Maradona!
  • Trump e il tennis. Da sempre grande appassionato dello sport della racchetta, il nuovo Presidente degli Stati Uniti non solo è uno spettatore fisso degli US Open, ma da svariati decenni impugna la racchetta con la stessa determinazione che ha mostrato in campagna elettorale.