SERENA WILLIAMS: STORIA DI UNA FENICE…

Con la vittoria degli Australian Open, Serena Williams è tornata sul tetto del mondo...

Tennis – Ce l’ha fatta. Serena Williams non solo è riuscita a conquistare il suo ventitreesimo Grand Slam e a tornare numero 1 del ranking mondiale, ma soprattutto l’ha fatta in barba a chi la credeva spacciata.

Con la vittoria sulla sorella Venus, la minore delle sorelle Williams ha rispolverato la sua bacheca di trofei riuscendo ad arrivare ad un passo dalla storia: ha infatti superato Steffi Graf, ferma a soli 22 Slam ottenuti, con la possibilità di poter eguagliare il record di 24, detenuti dall’australiana Margaret Smith Court.

Ringrazio Venus, è una persona straordinaria. Non sarei a 23 Slam senza di lei, non avrei ottenuto niente senza di lei. È l’unico motivo per il quale sono ancora qui, esistono le sorelle Williams perché lei mi ha ispirato” queste le sue parole durante la premiazione.

Il 2015 e il 2016 sono stati gli anni più difficili della sua carriera, costellati sia da infortuni fisici che da tanti e troppi pensieri. In quegli anni, Serena ha anche capito quanto sia facile capitolare e quanto sia facile perdere il lume della ragione dimenticando sé stessi. 

Ogni media, dopo la sua sconfitta contro l’azzurra Roberta Vinci agli US Open 2015, l’aveva data per sconfitta, finita, pensionata. Attraverso i fiumi di inchiostro versati, anche la Williams aveva iniziato a credere in quelle parole, nonostante la sua forza d’animo che l’ha sempre distinta sia come atleta che come persona.

Durante gli ultimi tempi, però, Serena Williams ha ripreso in mano la sua vita e il suo tennis con la voglia di rinascere e di ricominciare a dimostrare quanto vale.

Il mio obiettivo è sempre stato quello di migliorarmi, di imparare cose nuove. Mi sono resa conto di poter dare ancora qualcosa a me stessa e al mio gioco..mi sento diversa, mi sento davvero soddisfatta dei miei risultati passati e, soprattutto, dei miei risultati odierni come la vittoria agli Australian Open 2017. Ho sempre voluto vincere e ho sempre voluto saziarmi di queste vittorie” ha dichiarato.

Serena Williams è tornata a risplendere e, questa volta, in un modo completamente diverso..senza sicurezze, ma solamente con la convinzione di voler giocare allo sport che più ama: il tennis.

Alla faccia di chi le vuole male! 


Nessun Commento per “SERENA WILLIAMS: STORIA DI UNA FENICE...”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora