SHAHAR PEER SI RITIRA DAL TENNIS

La 29enne Shahar Peer ha annunciato sulla sua pagina di Facebook il proprio ritiro dal tennis a causa di una continua infiammazione alla spalla.

“Voglio condividere con voi una delle decisioni più difficili della mia vita”, queste le parole che ha scritto Shahar Peer, su famoso social. La 29enne è stata la prima israeliana ad aver raggiunto i quarti di finale in 2 Slam nel 2007.

Dopo 23 anni, di cui 13 come giocatorice nel circuito professionistico internazonale, ho deciso di ritirarmi. Ho preso questa decisione a causa di una infiammazione cronica alla spalla che dura ormai da 2 anni e mi impedisce di giocare al livello a cui sono abituato“.

Shahar Peer nel 2006, ha vinto 3 tornei WTA: Pattaya Open, Praga e Istanbul. Nel 2009, l’israeliana aveva vinto altri due tornei del circuito:  Canton in Cina e Tashkent in Uzbekistan. Nel 2008, sempre a Melbourne ha perso la finale di doppio. Ha disputato i Giochi Olimpici di Pechino 2008 e Londra 2012.

Dopo aver raggiunto il 13 ° posto a livello mondiale nel 2010, Shahar Peer era scesa al gradino n. 177 nel 2015.


Nessun Commento per “SHAHAR PEER SI RITIRA DAL TENNIS”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora