STAN THE GOOD MAN: “FAB FOUR DA MARVEL”

Stanislas Wawrinka professa umiltà parlando dei fab four, nonostante i 3 Slam vinti contro alcuni di loro

Tennis. Di certo non si è montato la testa, Stanislas Wawrinka. La vittoria del terzo Slam nella finale Us Open contro Novak Djokovic lo aveva portato ad aggiudicarsi l’undicesima finale consecutiva. A Melbourne la vittoria arrivò su Nadal mentre a Parigi ancora una volta sul serbo, che non completerà il Grande Slam a causa sua. Negli ultimi 3 anni nessuno ha vinto tanti Slam come Stan, a parte il serbo, ma ciò nonostante le sue dichiarazioni restano umili, forse anche troppo.

L’unica certezza che ho é che non faccio parte dei Fab Four. Loro sono come i Marvel, un gruppo di 4 supereroi. Era qualcosa di inimmaginabile. Per una volta conto di lui ho sentito che dipendeva da me, per una volta contro lui sentivo che ero il favorito“, afferma Stan riguardo Nole e la finale di New York vinta.

A proposito del serbo, un po’ scarico apparentemente nell’ultimo periodo, afferma: “E’arrivato ad un punto in cui avendo vinto tutto mentalmente fa fatica. Credo farebbe bene a tornare alla base e la base é amare il tennis. Allenarsi duramente e prepararsi bene. Sono cose semplici. Uno come lui quando sente che sta andando nella strada giusta, sa che la vittoria arriverà. Andrà in Australia sicuramente per vincere il titolo“.

Wawrinka ha parlato anche di uno dei suoi migliori amici nel circuito, nonché francese come “L’Equipe” per il quale ha tenuto l’intervista, Benoit Paire: “Capisco totalmente la sua stagione complicata, ci sono mille motivi, per ciò che fa in campo, per il suo modo di essere in generale. E‘ molto talentuoso che può inanellare vittorie guadagnando fiducia come ha fatto l’anno scorso. Ma senza costanza non si va da nessuna parte. Ci siamo allenati assieme e vado molto d’accordo con lui, sono stato molto duro nei suoi confronti. Gli ho detto onestamente ciò che pensavo per il bene della sua carriera.”


Nessun Commento per “STAN THE GOOD MAN: "FAB FOUR DA MARVEL"”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora