SYDNEY: FOGNINI SUBITO FUORI, OK LORENZI

Australia già amara per i colori azzurri. Il ligure va fuori a Sydney contro Kohlschreiber. Vince invece Lorenzi contro Mayer

TENNIS – Se l’auspicio della spedizione italiana è quello di dimostrare il proprio valore già dalle battute australiane del 2017, il piano d’azione ha immediatamente un riscontro agrodolce. Sydney fa assaporare l’amaro in bocca ai colori azzurri, con l’eliminazione di Fabio Fognini nel lunedì in Oceania, ma si riscatta con la qualificazione di Paolo Lorenzi al turno successivo. Si va in campo anche ad Auckland, in Nuova Zelanda, per l’altro torneo maschile della settimana.

Si comincia dal numero uno italiano, il primo dei due a scendere in campo nella tabella di marcia odierna. Lorenzi lotta e supera Florian Mayer in una battaglia che si protrae fino al terzo set, con l’azzurro che porta a casa i tie-break del primo e del terzo parziale. 7-4 nella prima occasione e 7-5 ai vantaggi decisivi, in una prestazione intervallata dalla reazione del tedesco, che porta a casa il secondo set con il punteggio di 6-4 e prolunga invano la contesa. Nel secondo round della sfida Italia-Germania, Fognini è costretto a cedere il pass per la prossima fase ad un conciso ed efficace Philipp Kohlschreiber: avversario più complicato rispetto al coefficiente fronteggiato dal connazionale, con l’esito che ovviamente ne risente. Il giocatore teutonico chiude con un doppio 6-4 e fa sfumare le ambizioni di en-plein giornaliero.

Negli altri match di giornata, si qualificano al terzo set anche Evans ed Elias: il britannico supera Monteiro 6-3 4-6 6-3, mentre il portoghese rimonta O’Connell dopo lo svantaggio del tie-break e chiude 6-4 6-1 al parziale decisivo. Chiude il programma il padrone di casa Barton, che infligge una sconfitta con doppio tie-break a Kyle Edmund.

Auckland, invece, non presenta italiani in gara nel day-one della manifestazione. Steve Johnson e Feliciano Lopez sono i protagonisti di giornata, con l’americano che si impone 6-4 6-3 sul francese Robert. Qualche difficoltà in più per lo spagnolo, costretto a rimontare il neozelandese Venus: il padrone di casa mette la freccia con il 6-3 del primo set, poi l’esperienza dell’iberico vale il 6-4 6-3 dei due parziali successivi. Passa al terzo set anche Dustin Brown, che argina la rimonta dell’americano Mmoh e si qualifica al secondo turno. Ne bastano due, invece, a Robin Haase e Jiri Vesely: battuti rispettivamente Tearney e Zeballos. Chiude, un po’ a sorpresa, l’eliminazione di Schwartzman: passa Malek Jaziri in due set.

Domani si torna in campo per il secondo giorno di tennis tra Australia e Nuova Zelanda. A Sydney, riflettori puntati su Paire e Kokkinakis, mentre Auckland attende di vedere all’opera Marcos Baghdatis e Jeremy Chardy.


Nessun Commento per “SYDNEY: FOGNINI SUBITO FUORI, OK LORENZI”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.