MIAMI, QUALIFICAZIONI: TROPPO BEDENE PER GAIO

Aljaz Bedene estromette Gaio dalla corsa al main draw della Florida, bastano due set. Male anche Napolitano al Challenger di Guangzhou

20/03/17
» Continua
ATP QUITO: GAIO SI, GIANNESSI NO

Quito sorride a Federico Gaio. L’azzurro, contro Joao Souza, vince in rimonta la prima partita nel circuito maggiore della sua carriera. Niente da fare per Alessandro Giannessi

8/02/17
» Continua
QUALIFICAZIONI FRENCH OPEN: ELIMINATI GAIO E ARNABOLDI

Niente da fare per Federico Gaio e Andrea Arnaboldi sconfitti da Andreozzi e Kamke in due set. Le speranze azzurre, per queste qualificazioni, sono riposte in Thomas Fabbiano e Matteo Donati

19/05/16
» Continua
FRASCATI PARLA FRANCESE

Augustin Gensse vince la XIV edizione del Città di Frascati, il Torneo Internazionale da 10mila dollari ospitato dal Tennis Club New Country. Ottima organizzazione e cornice di pubblico, Federico Gaio e Alessandro Colella note liete in chiave azzurra.

2/11/10
» Continua
FINALMENTE GAIO

Grande vittoria per il tennista faentino che al primo turno del Challenger 42.500€ di Reggio Emilia si è imposto al tie-break del terzo set sul francese Josselin Ouanna, numero 145 del mondo, centrando il primo successo in carriera a livello ATP

22/06/10
» Continua

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".