Tennis: Sharapova. Tarpishchev “Sara’ a Rio”, Nike e Wada la ‘scaricano’

martedì, 8 marzo 2016
MOSCA (RUSSIA) - Shamil Tarpishchev, il numero uno del tennis russo, ha definito "un mucchio di sciocchezze" la sospensione cautelare di Maria Sharapova, trovata positiva al Meldonium all'ultima edizione degli Australian Open. "Gli atleti prendono cio' che medici e fisioterapisti prescrivono loro - ha detto Tarpishchev all'agenzia Tass - Credo che Sharapova giochera' le Olimpiadi di Rio (5-21 agosto, ndr) ma dobbiamo seguire gli sviluppi del caso". In una conferenza stampa tenutasi ieri sera, la 28enne tennista siberiana, alla quale la Nike ha sospeso la sponsorizzazione per la 'fase istruttoria', ha ammesso di aver utilizzato il Meldonium, farmaco inserito dalla Wada nella lista delle sostanze proibite dal primo gennaio 2016, per il trattamento di problemi di salute ricorrenti derivanti da "carenza di magnesio, casi di aritmia cardiaca e di diabete in famiglia". Un errore che potrebbe costarle sino a due anni di squalifica. Nel frattempo, dagli Stati Uniti, 'Masha' subisce un attacco diretto da un'altra ex numero uno del ranking mondiale come Jennifer Capriati, campionessa olimpica a Barcellona 1992: "Che interesse c'e' a prendere un farmaco per il cuore, che aiuta a recuperare piu' velocemente, se non si hanno problemi cardiaci? Non ho mai scelto di imbrogliare e non ho mai avuto un team di medici pagato a peso d'oro per trovare un modo per aggirare le regole. Se tutto questo dovesse essere provato, dovrebbe essere privata di tutti i suoi titoli". Dura, sul caso Sharapova, anche la Wada, l'Agenzia Mondiale Antidoping, che in una nota fa sapere di essere a conoscenza della vicenda e che, una volta i motivi della decisione dell'Itf, decidera' se ricorrere o meno autonomamente al Tas. "Possiamo confermare che il Meldonium e' stato aggiunto alla lista delle sostanze proibite dal 1° gennaio 2016, dopo un programma di monitoraggio durato tutto il 2015, a causa delle prove del suo uso parte degli atleti con l'intento di migliorare le prestazioni", si legge nel comunicato della Wada. .
News in collaborazione con 0

I commenti sono chiusi.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.