TENNIS: TORNEO BARLETTA.GIUSTINO IN SEMIFINALE,KO GIANNESSI E CECCHINATO

venerdì, 14 aprile 2017
BARLETTA - Lorenzo Giustino ha centrato l'accesso alle semifinali dell'"Open Citta' della Disfida", torneo challenger Atp da 43mila euro di montepremi, giunto alla diciottesima edizione, in corso sulla terra rossa del Circolo Tennis "Hugo Simmen" di Barletta. Il 25enne giocatore campano, numero 214 Atp, ha eliminato con il punteggio di 6-3 6-2, in poco meno di un'ora e un quarto, il tedesco Maximilian Marterer, numero 129 Atp e settimo favorito del seeding e domani sfidera' per un posto in finale il portoghese Gastao Elias, numero 97 del ranking mondiale e primo favorito per la vittoria. Disco rosso invece per gli altri due tennisti italiani impegnati nei quarti di finale. Alessandro Giannessi, quarto favorito del seeding, ha ceduto per 2-6 6-3 6-3, in un'ora e 41 minuti, al ceco Lukas Rosol. Dal canto suo Marco Cecchinato, numero 154 Atp, e' stato sconfitto dal britannico Aljaz Bedene (6-2 6-1 il risultato, in un'ora e 6 minuti), seconda testa di serie, gia' due volte vincitore a Barletta e che domenica ha conquistato il titolo a Sophia Antipolis, dove in semifinale aveva stoppato anche in quel caso proprio il 24enne di Palermo. . glb/red
News in collaborazione con 0

I commenti sono chiusi.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.