IL COACH DI THIEM: “E’ STATO UN CALENDARIO STUPIDO”

Gunter Bresnik , allenatore Dominic Thiem, riconosce come il calendario 2016 del sia stato eccessivo, prendendosi la colpa per tale programmazione.

Tennis  –  Dopo la vittoria all’ATP 500 di Rio, Dominic Thiem è già volato ad Acapulco, come stabilito dal suo programma stagionele. Un programma “bizzarro” che continua sull’onda di quello della passata stagione e a proposito ha parlato proprio Gunter Bresnik , allenatore di Dominic Thiem, al sito brasiliano O Global:
“La programmazione dei tornei è stata davvero stupida. È tutta colpa mia. A volte ci sono motivazioni personali. Ad esempio Paul McNamee è il direttore del torneo di Sofia, Krajicek di Rotterdam, e lui ha li ha sempre giocato in quel torneo. A Rio ha bei ricordi della passata stagione. Ci hanno chiesto se volevamo giocare anche quest’anno. E Acapulco è il quarto torneo consecutivo. Certo, se c’è qualcuno che può affrontare una programmazione del genere è Dominic, ma scegliendo così si finisce per avere un calendario del cavolo“.

Dopo un paio di mesi dall’inizio della stagione 2017 Thiem ha infatti partecipato al suo 7o torneo, il quarto consecutivo, il bilancio è di 17 incontri (12 vinti) ma le miglia percorse dal giovane austriaco sono tante, avendo volato in 3 continenti diversi e sono state altrettante anche le superfici di gioco. Al Mexico Open Thiem affronterà Gilles Simon.

Nel 2016 Dominic ha giocato più di 70 giochi in 27 gare e non sembra voler cambiare questa scelta. Bresnik è uno degli allenatori più esperti del circuito, avendo allenato molti giocatori ed ha molta fiducia nel suo giocatore. “Dominic è molto forte, può sostenere un bel ritmo, ha un ottima impronta genetica e una passione incredibile per il gioco. Tutto ciò è qualcosa che non è così comune. Ama il gioco ed è disposto a sacrificare tanto quanto i migliori al mondo, la sua è una passione senza limiti.

“Posso dire che Thiem è un giocatore molto migliore rispetto al 2016. ha ottenuto belle vittorie contro Zverev, Simon e molti altri ragazzi non giocando bene,il  che la dice lunga. E’ molto vicino a giocare molto bene ei risultati verranno presto. “


Nessun Commento per “IL COACH DI THIEM: "E' STATO UN CALENDARIO STUPIDO"”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora