THOMAS MUSTER, UN GLADIATORE NELLA BAIA

L’ex numero 1 del ranking ATP Thomas Muster ha appena acquistato una baia in Nuova Zelanda per 6 milioni di euro.
mercoledì, 28 dicembre 2016

TENNIS – Un austriaco felice tra le baie della Nuova Zelanda. Veri e propri paradisi terrestri caratterizzano i territori, in gran parte inesplorati, di una parte dell’Oceania. Ed è proprio in queste zone che abiterà Thomas Muster. L’austriaco, ex numero 1 del ranking ATP, ha appena acquistato una baia in terra neozelandese. Come riporta l’NZ Herald, Muster ha sborsato sei milioni di euro per accaparrarsi la Russell Long Beach, impegnandosi anche a rinnovare la fauna e a costruire anche una passeggiata lungo lo splendido litorale della Nuova Zelanda. Dalla terra rossa, dove Muster è stato un vero e proprio re, l’austriaco, che ha trionfato nel 1990 a Roma, è passato dunque alla sabbia, dove potrà godere di uno splendido panorama e di una particolare conformazione geografica.

Per l’austriaco non si tratta però di una scelta totalmente inaspettata, visto che già in precedenza trascorreva buona parte dell’anno in Australia, continente che dopo il suo definitivo addio al tennis Il 47enne ex campione di tennis è però fortemente legato all’Italia, dove riuscì a trionfare 16 anni fa, dopo che nel 1989 era arrivato fino in finale, ma uno sfortunato incidente all’interno del parcheggio di Key Biscayne gli costò l’atto finale per una frattura al ginocchio. Da allora sono passati ben 26 anni, e Muster si è definitivamente allontanato dal mondo del tennis, anche se la figlia 15enne pratica la disciplina. E probabilmente, l’austriaco continuerà a dividersi tra la sua Russell Long Beach e la terra natia, con l’obiettivo di veder nascere quanto prima la scuola tennis di Vienna riservata ai giocatori juniores. L’acquisizione della baia neozelandese è stata ufficializzata da pochi giorni, dopo che l’operazione era stata a lungo in attesa di approvazione, visto che tali acquisizioni di suolo pubblico costiero in Nuova Zelanda hanno sempre destato sospetto. Ora però Muster potrà ammirare lo spettacolo naturale della sua baia, magari ripensando ai momenti più importante di una carriera che l’ha incoronato “re della terra”.


Nessun Commento per “THOMAS MUSTER, UN GLADIATORE NELLA BAIA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • NUOVA ZELANDA, TERRA DI ALL BLACKS ED ALL BACK..HOME La curiosa storia della Nuova Zelanda che, per mancanza di competitività, rinuncia a giocare la Fed Cup
  • “RITORNO DOPO UNA LUNGA VACANZA” Annuncio clamoroso di Thomas Muster: il 42enne austriaco, che non gioca una partita ufficiale dal 1999, sarà al via del challenger di Braunschweig di fine giugno
  • LE FATICHE DI THOMAS MUSTER, ERCOLE MODERNO TENNIS - Thomas Muster, una sorta di “Ercole moderno” che anziché destreggiarsi nelle “dodici fatiche” per quattordici anni della sua vita ha sgobbato sui campi da tennis di tutto il […]
  • MUSTER, COME PREVISTO Il ritorno dell’austriaco non si trasforma in un’improbabile storia a lieto fine: l’irlandese Niland si è imposto con il punteggio di 6-2 6-1 nel primo turno del challenger di Braunschweig
  • I RE DELLA TERRA Un amore rinnovato quello di Thomas Muster per il tennis. Ripartendo dalle basi, l'ex numero 1 vuole crescere con una nuova consapevolezza, confrontandosi per l'occasione anche con Rafael Nadal
  • IL TENNISTA CHE VISSE TRE VOLTE Thomas "Gladiatore" Muster compie 43 anni. Da fresco top-10 un incidente ha rischiato di porre fine alla sua carriera, ma lui è tornato ancora più forte vincendo il Roland Garros e […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Dicembre 2016

  • Andy Murray entra nel 2017 da "number one". Nessun suddito britannico prima di lui era riuscito a salire in vetta alla classifica dell'Era Open, ma lo scozzese ha invece compiuto l'impresa vincendo le Atp Finals proprio davanti al pubblico londinese.
  • L'Argentina sul tetto del mondo. I sudamericani conquistano per la prima volta la Coppa Davis rompendo il "maleficio" che li aveva visti perdere per ben 4 volte in finale. A fare il tifo sugli spalti c'era anche Diego Armando Maradona!
  • Trump e il tennis. Da sempre grande appassionato dello sport della racchetta, il nuovo Presidente degli Stati Uniti non solo è uno spettatore fisso degli US Open, ma da svariati decenni impugna la racchetta con la stessa determinazione che ha mostrato in campagna elettorale.