TOMIC, IL BAD BOY CHE NON SA PIU’ NEMMENO VINCERE

Periodo nerissimo in questo 2017 per il cattivone australiano, ennesima uscita al primo turno negli Usa

Tennis. Precipitato alla n.42 del mondo e probabilmente finirà oltre la top 50 del Ranking Atp, Bernard Tomic. Se a vent’anni si faceva conoscere al mondo intero per i quarti di finale a Wimbledon, collezionando qua e là risultati discreti nel lustro successivo nel circuito, ora invece non sembra nemmeno più capace di arrivare al secondo turno degli appuntamenti più semplici.

Certo, non è da considerarsi tale un Masters 1000 come Indian Wells, idealmente definito il quinto Slam, ma certo è che l’idolo di casa Fratangelo non poteva rappresentare per lui chissà quale ostacolo. Ed invece l’aussie deve rientrare mestamente a casa con un netto e sorprendente doppio 6-2 in favore del tennista di chiari origini italiane. Tomic ha provato a spiegare così la pesantissima sconfitta all’esordio: “Quando cominci a giocare male poi entri in un vortice dove tutto procede sempre peggio. Ho attraversato un periodo nero in questo inizio di stagione, ma sto lavorando per fare meglio nelle prossime settimane e nei successivi mesi“.

Ebbene sì, anche perchè fare peggio di questi primi due mesi è impresa ardua. Sei tornei disputati, cinque eliminazioni al primo turno. Solo in occasione degli Australian Open era stato capace di arrivare, con grande fatica, sino al terzo turno prima di perdere con Evans e aver battuto in diverse ore il domenicano Estrella Burgos. Per il resto, continua a far parlare di se più per le bizzarre vicende fuori dal campo che per i risultati, sempre meno importanti sul rettangolo di gioco. Il bad boy australiano, tra l’altro, comincia ad essere sempre meno giovane e la scusa dell’età sta scivolando via: i 25 anni sono vicini ed i risultati importanti pronosticati in gioventù sempre più un miraggio.


Nessun Commento per “TOMIC, IL BAD BOY CHE NON SA PIU' NEMMENO VINCERE”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".