CIRCUITO ATP: DEL POTRO E TSONGA TORNANO AL SUCCESSO. DZUMHUR ZAR A MOSCA

L'argentino centra il bis nel torneo di Stoccolma, mentre il francese sigla il quarto titolo del 2017 ad Anversa. Dzumhur trionfa in quel di Mosca

Tennis. Quando la stagione 2017 si avvia a grandi passi verso la sua conclusione, ecco che la settimana corrente ha emesso verdetti interessanti nel corsa alle ultime posizioni utili al fine di qualificarsi alle ATP Finals previste nel mese di novembre presso la O2 Arena di Londra. Prosegue innanzitutto lo strepitoso momento di forma di Juan Martin del Potro, trionfatore per la seconda volta consecutiva dell’ATP di Stoccolma, grazie ad una finale condotta davvero alla perfezione nella quale ha rifilato un perentorio 6-4 6-2 al malcapitato bulgaro Grigor Dimitrov anche lui protagonista di un’ottimo cammino sul cemento indoor europeo.

Il successo odierno consente inoltre al gigante di Tandil di avvicinare sempre di più l’accesso al Master di fine anno, se si considera che ormai l’ultimo posto disponibile dista la miseria di 500 punti con ancora numerosi appuntamenti dai quali trarre profitto in termini di classifica. Prestazione negativa quella offerta invece da uno spento Dimitrov, incappato in una giornata a dir poco negativa complice forse anche un pizzico di stanchezza derivante da un periodo di forte stress fisico oltre che emotivo. Il 26enne di Haskovo può comunque consolarsi pensando di aver già raggiunto l’obiettivo delle Finals, unito alla suggestiva prospettiva di scavalcare l’ex numero uno del mondo Novak Djokovic in settima piazza.

Segnali convincenti provengono anche da un ritrovato Jo-Wilfried Tsonga, nuovo campione dell’ATP di Anversa proprio a breve distanza dall’imminente finale di Coppa Davis che vedrà la sua Francia sfidare il Belgio nella meravigliosa cornice offerta dalla città di Lille. Nell’atto conclusivo il veterano di Le Mans si è infatti sbarazzato del guerriero argentino Diego Schwartzman con il punteggio di 6-3 7-5 in poco più di un’ora e mezza di partita, utile a garantirgli il sedicesimo titolo in carriera e il quarto stagionale dopo una parentesi non esattamente felice sul cemento. Senza dubbio una notevole iniezione di fiducia nell’ottica di dover offrire il massimo rendimento per riportare finalmente l’Insalatiera in patria a sedici anni di distanza dall’ultima volta.

Soltanto applausi riferiti invece al tenace esponente albiceleste, capace ancora una volta di dimostrare come abnegazione e grinta possano giocare un ruolo determinante quando le caratteristiche fisiche non sembrerebbe conformi ad un atleta di questo livello. Il nativo di Buenos Aires non riesce dunque a bissare il sigillo ottenuto l’anno scorso in quel di Istanbul, perdendo inoltre la seconda finale di fila qui ad Anversa dopo essersi arreso l’anno scorso di fronte ad un’inarrestabile versione del francese Richard Gasquet.

Da segnalare infine l’affermazione di Damir Dzumhur nel fantastico scenario della Kremlin Cup 2017 di Mosca, dove il tennista bosniaco ha regolato l’altra rivelazione della settimana Ricardas Berankis per 6-2 1-6 6-4 al termine di una battaglia senza esclusione di colpi resa ancora più avvincente dall’importanza della posta in palio. L’attuale numero 38 delle classifiche sta davvero stupendo tutti in questo scorcio di stagione, rendendo palesi gli enormi progressi computi e approfittando anche delle inattese eliminazioni dei favoriti del seeding Pablo Carreno-Busta e Albert Ramos-Vinolas.

A farne le spese sono stati purtroppo anche gli azzurri Thomas Fabbiano e Andreas Seppi, obbligati alla resa dinnanzi alla costanza del 25enne di Sarajevo al suo secondo trionfo in Russia dopo aver conquistato nel 2017 anche il torneo di San Pietroburgo a scapito del nostro Fabio Fognini. Onore comunque al giocatore lituano, giunto ad un passo da quelle che sarebbe stata una delle imprese di maggior caratura all’interno di questa annata, alla fine tuttavia soltanto sfiorata nella beffarda certezza di aver sicuramente giocato il miglior tennis della propria carriera professionistica.


Nessun Commento per “CIRCUITO ATP: DEL POTRO E TSONGA TORNANO AL SUCCESSO. DZUMHUR ZAR A MOSCA”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.