US OPEN: DEMOLITO IL LOUIS ARMSTRONG

Lo stadio Louis Armstrong, uno dei campi più famosi degli US Open, è stato demolito per essere ricostruito con 15.000 posti e un tetto retrattile

Tennis –  Il famoso campo “Louis Armstrong” del Flushing Meadows, luogo di alcune delle più grandi partite della storia degli US Open, è stato completamente demolito.

Il “vecchio” Armstrong sarà ricostruito per il 2018 con la capienza di 15.000 spettatori e il tetto retrattile.

Inaugurato nel 1964 (chiamato inizialmente “Singer Bowl” e poi con il nome del grande musicista jazz) per l’Esposizione Mondiale di New York, è poi divenuto dal 1978 al 1996 il campo Centrale degli US Open di tennis con una capienza massima di 18.000 spettatori. Inoltre, venne diviso in due nuovi stadi: l’Armstrong e l’adiacente Grandstand (anch’esso ricostruito per l’edizione 2016) da 6.000.

Per 19 edizioni, è stato il campo centrale degli US Open.

 

 


Nessun Commento per “US OPEN: DEMOLITO IL LOUIS ARMSTRONG”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Agosto 2017

  • Arrembaggio US Open L'ultimo Slam della stagione fa gola a molti, sopratutto a chi come Novak Djokovic o Andy Murray deve dimenticare un 2017 "zoppicante". Il prestigioso torneo americano fa però gola più di tutti a Roger Federer, il dio del tennis che vuole il ventesimo titolo Major.
  • Quando il gatto non c'è... i topi ballano. Mai detto fu più appropriato per Venus Williams, che sta sfruttando l'assenza per maternità della fortissima sorella Serena per ottenere ottimi risultati sul circuito e dimenticare guai fisici e gravi vicissitudini personali.
  • Sognate di lavorare per l'Atp? Leggete la nostra intervista a Nicola Arzani, Vice Presidente Media e Marketing dell'Associazione dei Tennisti Professionisti, e scoprite se questo "job" fa davvero per voi.