US OPEN: DEMOLITO IL LOUIS ARMSTRONG

Lo stadio Louis Armstrong, uno dei campi più famosi degli US Open, è stato demolito per essere ricostruito con 15.000 posti e un tetto retrattile

Tennis –  Il famoso campo “Louis Armstrong” del Flushing Meadows, luogo di alcune delle più grandi partite della storia degli US Open, è stato completamente demolito.

Il “vecchio” Armstrong sarà ricostruito per il 2018 con la capienza di 15.000 spettatori e il tetto retrattile.

Inaugurato nel 1964 (chiamato inizialmente “Singer Bowl” e poi con il nome del grande musicista jazz) per l’Esposizione Mondiale di New York, è poi divenuto dal 1978 al 1996 il campo Centrale degli US Open di tennis con una capienza massima di 18.000 spettatori. Inoltre, venne diviso in due nuovi stadi: l’Armstrong e l’adiacente Grandstand (anch’esso ricostruito per l’edizione 2016) da 6.000.

Per 19 edizioni, è stato il campo centrale degli US Open.

 

 


Nessun Commento per “US OPEN: DEMOLITO IL LOUIS ARMSTRONG”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Dicembre 2016

  • Andy Murray entra nel 2017 da "number one". Nessun suddito britannico prima di lui era riuscito a salire in vetta alla classifica dell'Era Open, ma lo scozzese ha invece compiuto l'impresa vincendo le Atp Finals proprio davanti al pubblico londinese.
  • L'Argentina sul tetto del mondo. I sudamericani conquistano per la prima volta la Coppa Davis rompendo il "maleficio" che li aveva visti perdere per ben 4 volte in finale. A fare il tifo sugli spalti c'era anche Diego Armando Maradona!
  • Trump e il tennis. Da sempre grande appassionato dello sport della racchetta, il nuovo Presidente degli Stati Uniti non solo è uno spettatore fisso degli US Open, ma da svariati decenni impugna la racchetta con la stessa determinazione che ha mostrato in campagna elettorale.