US OPEN: DEMOLITO IL LOUIS ARMSTRONG

Lo stadio Louis Armstrong, uno dei campi più famosi degli US Open, è stato demolito per essere ricostruito con 15.000 posti e un tetto retrattile

Tennis –  Il famoso campo “Louis Armstrong” del Flushing Meadows, luogo di alcune delle più grandi partite della storia degli US Open, è stato completamente demolito.

Il “vecchio” Armstrong sarà ricostruito per il 2018 con la capienza di 15.000 spettatori e il tetto retrattile.

Inaugurato nel 1964 (chiamato inizialmente “Singer Bowl” e poi con il nome del grande musicista jazz) per l’Esposizione Mondiale di New York, è poi divenuto dal 1978 al 1996 il campo Centrale degli US Open di tennis con una capienza massima di 18.000 spettatori. Inoltre, venne diviso in due nuovi stadi: l’Armstrong e l’adiacente Grandstand (anch’esso ricostruito per l’edizione 2016) da 6.000.

Per 19 edizioni, è stato il campo centrale degli US Open.

 

 


Nessun Commento per “US OPEN: DEMOLITO IL LOUIS ARMSTRONG”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Marzo 2017

  • Roger guarda sepre più avanti. Dopo l’incredibile traguardo raggiunto a Melbourne, il favoloso Federer non si pone più limiti e guarda al suo 2017 con occhi nuovi. È tornato a pensare che Wimbledon sia un suo terreno di conquista e spera di riuscire a riprendere le chiavi di quel “giardino incantato”.
  • Rafa vuole il Real Madrid. Un giorno vorrebbe diventare il Presidente del famoso club calcistico madrileno, ha ammesso Nadal, che da sempre ha una grande passione per il pallone. Che stia già pensando al ritiro dal circuito della racchetta.
  • Gli azzurri di Davis sognano. Dalla vittoria di primo turno, fatta registrare in Argentina sulla squadra detentrice dell’insalatiera d’argento, riprende la corsa di una nazionale italiana motivata e generosa, capace di riaccendere l’entusiasmo dei suoi tifosi.