VARIE: BEBE VIO TRA I CANDIDATI AI LAUREUS WORLD SPORTS AWARDS 2017

mercoledì, 11 gennaio 2017
ROMA - Ci sara' anche il sorriso contagioso di Bebe Vio a illuminare la scena dei Laureus World Sports Awards 2017, che si terranno a Montecarlo il prossimo 14 febbraio, giorno di San Valentino. Il nome della campionessa paralimpica di fioretto figura infatti tra quelli candidati a vincere la statuetta nella categoria "Sportsperson of the Year with disability". Il mattatore assoluto di questa edizione e' senza dubbio Cristiano Ronaldo, coinvolto in tre nomination, sia a livello individuale che di squadra con il Portogallo e il Real Madrid. La battaglia per il Laureus World Sportsman of the Year Award (Sportivo dell'anno) promette di essere la piu' combattuta di sempre. Tra gli atleti in nomination ci sono i protagonisti di Rio de Janeiro: Usain Bolt, gia' tre volte vincitore di un Laureus Award, Mo Farah, campione olimpico dei 5.000 e 10.000 m, e Andy Murray, oro nel tennis. Assieme a Ronaldo, sono tra i candidati anche Stephen Curry e LeBron James, stelle del basket NBA. Le atlete in nomination per il Laureus World Sportswoman of the Year Award (Sportiva dell'anno) sono tutte campionesse olimpioniche, come le americane Simone Biles, Katie Ledecky e Allyson Felix. A loro si aggiungono la tedesca Angelique Kerber, numero 1 del tennis mondiale, la velocista giamaicana Elaine Thompson e la ciclista britannica Laura Kenny. Michael Phelps, l'atleta piu' titolato nella storia delle Olimpiadi, e' invece in testa alle nomination per il Laureus World Comeback of the Year (Ritorno dell'anno). - (SEGUE). mc/com
Italpress?>
News in collaborazione con 0

I commenti sono chiusi.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".