VICTORIA AZARENKA: “DI NUOVO IN CAMPO PER LE US OPEN SERIES”

L’ex numero 1 del mondo, diventata mamma a dicembre, annuncia il suo rientro nel circus per la stagione sul cemento americano. L’obiettivo non è solo quello di tornare al top per gli Us Open: “Voglio essere ancora la migliore del mondo”.

Tennis – Indian Wells è archiviato, a Miami si sta giocando. Impossibile non pensare a Victoria Azarenka, che questi due importanti tornei li ha vinti entrambi nel 2016, facendo doppietta in California e tripletta in Florida. La bielorussa è ai box in questo momento e si sta godendo la maternità, pensando più al piccolo Leo che al tennis. Questo non significa che la racchetta sia un lontano ricordo, anzi come riferito dalla stessa Aza a Tennis Channel, gli allenamenti e le sessioni di palestra sono ricominciate ben tre settimane fa: “Voglio tornare al top fisicamente, voglio ritrovare la forza di prima e voglio lavorare bene su quegli aspetti che i tennisti non sono in grado di curare nella preseason”. L’obiettivo sarebbe quello di tornare a giocare in estate e affrontare i tornei sul cemento americano. Ma il lavoro della vincitrice di due Australian Open non si ferma qui: “Voglio aggiungere qualcosa al mio gioco e mi sto prendendo del tempo per lavorare su questi nuovi aspetti e raffinarli bene”.

Un percorso lento, con tappe regolari e senza avere la frenesia di voler tornare troppo presto in campo: “Voglio solo essere pronta per l’estate e per le US Open Series, poi vedremo come va. Ricomincio da qui” sottolinea la tennista nata a Minsk. Con nuove sensazioni e con nuove certezze, ma anche con una situazione familiare nuova: “Devo capire se Leo è pronto per viaggiare per tutto il mondo. Vorremmo entrambi essere comodi e affrontare il tutto con calma. Non voglio lo stress dei tempi passati perché mi ha causato molti problemi. Era una situazione diversa, ma comunque non funzionava bene”. Ma guai, ad ogni modo, a parlare del grande ritorno di Victoria Azarenka: “Non voglio che il mio rientro sia considerato un ritorno in campo. Io lo considero come la continuazione della mia carriera, una nuova opportunità per perseguire i miei sogni e per raggiungere i miei obiettivi”.

In fondo, non è passato molto tempo da quel fantastico inizio di 2016 in cui la tennista bielorussa vinse tre titoli nei primi quattro tornei giocati: “Voglio arrivare al top. Voglio migliorare ancora, dalla tecnica di gioco al servizio. Credo che già lo scorso anno si siano visti molti miglioramenti nella mia battuta. Sono diventata anche molto più aggressiva. È questa la strada che vorrei percorrere per migliorare ancora il mio gioco”.

E poi c’è la questione fisica. Il rientro, dopo mesi di inattività, non sarà facile. Ma le idee della ex numero 1 del mondo sono chiarissime: “Voglio diventare più forte a livello fisico e lavorare meglio anche per evitare infortuni. Nella mia carriera la ricerca del miglioramento è stata sempre costante. Ora ho un team diverso, ma ho parlato molto con Michael Joyce e abbiamo scambiato tante idee. È giusto iniziare a concretizzare e inserire tutto nel mio gioco. Sono una giocatrice abbastanza completa, ma devo ancora lavorare su molte cose”. Victoria Azarenka non vuole, dunque, tornare in Wta. Victoria Azarenka vuole tornare a essere la migliore: “Posso farlo. Sto prendendo tutto il tempo necessario per lavorare bene ed essere ancora la migliore. Questo è l’unico motivo per cui voglio tornare nel Tour. Non voglio solo giocare, voglio diventare ancora una volta la numero 1”.

Foto: Victoria Azarenka (www.zimbio.com)


Nessun Commento per “VICTORIA AZARENKA: “DI NUOVO IN CAMPO PER LE US OPEN SERIES””


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.