WTA BRISBANE, VINCI KO CONTRO LA PLISKOVA

La azzurra ha ceduto in tre set alla numero sei del mondo. A Shenzen invece è stata eliminata Agnieszka Radwanska, mentre a Auckland si è fermata ai quarti di finale anche la corsa di Caroline Wozniacki

TENNIS – Si è fermata ai quarti di finale la corsa di Roberta Vinci al torneo Wta di Brisbane. La azzurra infatti è stata battuta in tre set da Karolina Pliskova (3-6 6-2 6-2 in quasi due ore di gioco il punteggio finale in favore della ceca), che ha portato a casa così la sua prima vittoria in carriera ai danni della tarantina.

Non mancano i rimpianti però per Roberta, avanti di un break, sul 2-0, nel terzo e decisivo parziale, ma incapace da quel momento in poi di continuare a mettere pressione alla sua avversaria, che infilando sei game consecutivi ha portato a casa la vittoria tra gli applausi del pubblico australiano. La numero sei del mondo comunque ha dovuto tirare fuori il meglio del suo tennis per avere la meglio sulla Vinci, brava nel primo set a variare il gioco e a mandare fuori giri la ceca con i suoi slice e i suoi colpi da fondo campo.

Ma la Pliskova ha dimostrato di essere una delle migliori giocatrici del circuito, ha risalito la china nel secondo parziale e nel terzo e decisivo set ha fatto valere tutta la sua potenza fino al definitivo 6-2 che le ha regalato il pass per le semifinali. Cosa che hanno ottenuto anche Garbine Muguruza, uscita vittoriosa in due set (7-5 6-4) dal difficile match contro Svetlana Kuznetsova, e Alizé Cornet, che a sorpresa ha battuto la testa di serie numero due Dominika Cibulkova 6-3 7-5, al termine di una sfida in cui il servizio non è stato un fattore (ben sette infatti sono stati i break del secondo parziale) ma nella quale la francese si è dimostrata più determinata.

SHENZEN

Passando quindi al torneo Wta di Shenzen, Alison Riske ha regalato la sorpresa di giornata eliminando la testa di serie numero uno Agnieszka Radwanska in tre set (6-2 3-6 6-0), rifilando alla polacca un pesante “bagel” nel terzo e decisivo parziale tra lo stupore del pubblico cinese.

Si sono qualificate per le semifinali poi anche Johanna Konta, che ha dovuto sudare non poco per avere la meglio in tre set (6-4 6-7 6-3) su Krystina Pliskova, capace nel tie-break del secondo parziale di salvare anche due match-point, e Katerina Siniakova, vittoriosa 6-3 6-4 ai danni di Nina Stojanovic a conferma del suo ottimo momento dopo la sorprendente vittoria di ieri sulla testa di serie numero due Simona Halep.

AUCKLAND

Spostandoci infine al torneo Wta di Auckland, Caroline Wozniacki (numero tre del seeding) si è fermata ai quarti di finale dopo la sconfitta in tre set (1-6 6-3 6-4) subita da Julia Goerges, brava a rimontare dopo un primo parziale in cui la danese sembrava in pieno controllo del match. E insieme alla tedesca si sono qualificate per le semifinali anche Lauren Davis, che ha eliminato la numero quattro del seeding neozelandese Barbora Strycova in due set (6-1 7-6), Ana Konjuh, che ha approfittato del ritiro della giapponese Naomi Osaka dopo appena due game del primo set, e Jelena Ostapenko (7-5 6-3 a Madison Brengle).

(Nella foto Roberta Vinci – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “WTA BRISBANE, VINCI KO CONTRO LA PLISKOVA”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.