Errani_470

ERRANI FACILE, BRIANTI DI FORZA

Budapest (Ungheria) – Primo maggio di “lavoro” per le nostre due uniche rappresentanti nel WTA di Budapest, torneo sul rosso da 220 mila dollari di montepremi. Senza Roberta Vinci, detentrice del titolo e presente ad Estoril, l’italia del tennis punta su Sara Errani e Alberta Brianti, che iniziano al meglio la loro avventura in terra magiara. La bolognese, n.1 del torneo, spazza via con un facile 6-1 6-1 la lussemburghese di origini italiane Many Minella, n.85 del mondo. Ben più sofferta invece la vittoria di Alberta Brianti, che estromette dal torneo la finalista dello scorso anno Irina Camelia Begu con il punteggio di 6-4 5-7 6-3. Sul rosso portoghese di Estoril esordio positivo per la qualificata Karin Knapp, che passa 7-5 6-2  su Elenia Daniilidou

Tutto facile per Sara. Terza sfida diretta e terzo successo per Sara Errani contro la 26 enne lussemburghese, incrociata l’ultima volta due mesi fa sul veloce di Monterrey. Oggi come allora il match prende subito una direzione ben definita, in cui l’azzurra ne diventa la padrona indiscussa. Sara prende subito il mano le redini dello scambio, comandando a suo modo ogni traiettoria. Supportata anche da ottime percentuali al servizio, la bolognese impone il suo ritmo ad una Minella del tutto priva di armi pericolose per la nostra connazionale. Due break in serie portano l’azzurra a girare campo sul 5-0, lasciando poco dopo il game della bandiera alla sua avversaria. Chiusa la prima frazione sul 6-1, Sarita continua  ad alimentare un ottimo ritmo e una buona costanza al servizio. Un sussulto in avvio di secondo set, permette alla Minella di trovare il controbreak dell’1-1, ma ogni sua velleità si esaurisce lì. La Errani torna ben presto a spingere, staccandosi definitivamente verso il successo. Un nuovo parziale di 5 giochi a 0 mette di fatto i titoli di coda in poco più di un’ora, indirizzando l’azzurra verso un secondo turno contro la qualificata ungherese Melinda Czink, n.118 del mondo.

Alberta non molla. Match intenso e ricco di agonismo quello che apre la giornata sul campo n.5 tra la nostra Alberta Brianti e Irina Camelia Begu, n.56 del mondo. La sfida di Marbella del 2011 vinta dalla romena risulta essere l’unico precedete prima di questa sfida, che l’azzurra interpreta nel modo giusto, proponendosi spesso con efficacia e ottime soluzioni. L’inizio è tutto per la 30 enne parmense, che gioca al meglio issandosi verso un rapido 5-0. La buona vena però s’interrompe, lasciando alla Begu l’opportunita di rientrare prontamente. La finalista dello scorso anno trova infatti la forza di recuperare entrambi i break di svantaggio e arrivare a servire per il 5-5. Alberta non si arrende, e nel momento forse più difficile, trova il guizzo per un nuovo break che le regala la prima frazione per 6-4. Nel secondo set le parti s’invertono ed è la Begu a partire meglio dai blocchi. Alberta arranca, e complice anche qualche errore di troppo, finisce per ritrovarsi sotto  5-2. La successiva  rimonta si concretizza solo parzialmente, e quando l’azzurra trova il break per impattare sul 5-5, perde immediatamente il servizio, finendo per cedere 7-5. Alberta migliora il rendimento in battuta, e questo risulta un ottimo benefit nel 3° e decisivo parziale. La romena prova a scappare sul 3-1, ma la tenacia della Brinti viene premiata da un cambio di passo fondamentale, che la lancia verso il successo. Agganciata sul 3-3, la Begu spreca due importantissime palle break, esaurendo podo dopo ogni sua chance. L’azzurra sale di ritmo, finendo per completare il suo ennesimo parziale di 5 giochi consecutivi che le regalano il 6-3 finale e il conseguente pass per il secondo turno dopo 2 ore e 45 minuti. Adesso per lei l’ucraina Lesia Tsurenko.

Ecco il resto dei risultati odierni

(1) Sara Errani (ITA) d. Mandy Minella (LUX) 61 61
(2) Ksenia Pervak (KAZ) d. Vera Dushevina (RUS) 61 57 76(6)
Alberta Brianti (ITA) d. (8) Irina-Camelia Begu (ROU) 64 57 63
Barbora Zahlavova Strycova (CZE) d. (Q) Jasmina Tinjic (BIH) 16 63 ret.
Hsieh Su-Wei (TPE) d. Timea Babos (HUN) 67(4) 64 61
Alexandra Cadantu (ROU) d. Magdalena Rybarikova (SVK) 62 61
(Q) Akgul Amanmuradova (UZB) d. Michaella Krajicek (NED) 63 36 76(6)
(Q) Melinda Czink (HUN) d. (Q) Mervana Jugic-Salkic (BIH) 67(3) 60 63

Bene Knapp: Sulla stessa superfice e con lo stesso montepremi si gioca in contemporanea il combined portoghese di Estoril, in cui la nostra Karin Knapp si esalta e dalle qualificazioni arriva al 2° turno superando alla distanza la greca Eleni Daniilidou, n.65 del mondo. Un primo set lottato non pregiudica il buon rendimento dell’azzurra, che fa suo il primo parziale per 7-5. Nella seconda frazione la greca cala sul piano del palleggio, lasciando strada ad una Knapp sempre in palla che finisce per vincere 6-2. Domani secondo turno anche per Roberta Vinci. .

Ecco in dettaglio i risultati di oggi.

(2) Maria Kirilenko (RUS) d. Elena Baltacha (GBR) 76(6) 61
(3) Anabel Medina Garrigues (ESP) d. (Q) Kristina Barrois (GER) 64 61
(4) Petra Cetkovska (CZE) d. Alexandra Panova (RUS) 62 61
(5) Zheng Jie (CHN) d. Ekaterina Makarova (RUS) 63 61
(6) Kaia Kanepi (EST) d. (LL) Sloane Stephens (USA) 61 60
(9) Polona Hercog (SLO) d. Tamira Paszek (AUT) 60 63
Galina Voskoboeva (KAZ) d. Anastasiya Yakimova (BLR) 61 64
Jarmila Gajdosova (AUS) d. (Q) María-Teresa Torró-Flor (ESP) 63 61
(Q) Heather Watson (GBR) d. Lucie Hradecka (CZE) 64 64
(Q) Karin Knapp (ITA) d. Eleni Daniilidou (GRE) 75 62
(WC) Maria Joao Koehler (POR) d. Ayumi Morita (JPN) 61 75


1 Commento per “ERRANI FACILE, BRIANTI DI FORZA”


  1. renato scrive:

    quest’anno sei la piu’ forte delle italiane


Inserisci il tuo commento


Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2014

  • PENNETTA SCATENATA
    Malgrado le difficoltà passate e i suoi 32 anni, l’azzurra sta vivendo un momendo d’oro che a Indian Wells le ha permesso di agguantare il titolo più importante di tutta la sua carriera.
  • ATTENTI A “FEDRINKA”!
    Un Fabio Fognini trascinatore batte Andy Murray e, dopo 16 anni, apre all’Italia di Davis la strada per la semifinale, da giocare a settembre contro la Svizzera di Federer e Wawrinka.
  • INTERNAZIONALI D’ITALIA
    Il movimento tennistico tricolore è rinato, ora la ciliegina sulla torta sarebbe quella di poter rivivere al Foro Italico grandi emozioni, tutte italiane.