WTA DOHA, FINALE SAFAROVA-AZARENKA

Qatar, semifinali: la ceca supera agevolmente Carla Suarez-Navarro, la bielorussa si impone al terzo contro Venus Williams. Ad Acapulco, Maria Sharapova mette nel mirino la finale

TENNIS – Non sarà una testa di serie a sollevare il trofeo di Doha, cosa che potrebbe invece succedere ad Acapulco. Nella terra degli sceicchi, le due outsider spazzano via le rivali più accreditate, almeno secondo il ranking, e vanno a giocarsi la chances di aggiudicarsi il titolo in Qatar. Se da una parte c’è una vecchia conoscenza dei piani alti, dall’altra c’è una giocatrice che ambisce ad entrarci stabilmente.

Lucie Safarova è la prima a qualificarsi per la finale. Un match a senso unico, quello che la vede opporsi a Carla Suarez-Navarro: la spagnola, stremata dalle fatiche contro la numero uno del seeding Petra Kvitova, cede senza particolare resistenza dopo il colpaccio nei quarti di finale. Il 6-3 6-2 che premia la ceca arriva in poco meno di ottanta minuti, al primo di due match point disponibili. Inutile lo sprazzo d’orgoglio ed energia nel primo set, visto che l’iberica subisce l’immediato contro-break che suona come una sconfitta psicologica, oltre che sul campo.

Avversaria nell’ultimo atto sarà una sempre più convincente Vika Azarenka, che si impone nella semifinale più tecnica delle due. L’incontro non tradisce le attese e Venus Williams porta l’ex numero uno del mondo fino al terzo set, grazie alla netta affermazione nel primo. Al 2-6 incassato in apertura, la bielorussa reagisce alla grande restituendo il favore con lo stesso punteggio, poi chiudendo la pratica con un 6-4 che vale l’approdo in finale e la possibilità di conquistare il titolo. Visti gli ultimi progressi, i pronostici pendono prevalentemente dalla sua parte.

Nottata di emozioni ancora da vivere, invece, sul cemento di Acapulco. Le due semifinali andranno in scena a partire dalle 23 ore italiane, con la sfida tra la svizzera Bacsinszky e la rivelazione bulgara Karatantcheva ad aprire le danze. Seguirà la sfida più interessante del programma, ovvero il penultimo atto tra Caroline Garcia e la numero uno del main draw Maria Sharapova: per la siberiana è una vittoria già scritta? La risposta questa notte.


Nessun Commento per “WTA DOHA, FINALE SAFAROVA-AZARENKA”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora