WTA INDIAN WELLS: SCHIAVONE SUPERA LE QUALIFICAZIONI

Francesca Schiavone entra nel tabellone principale del Wta di Indian Wells, battuta Kostova in tre set.

Tennis. È una Francesca Schiavone che si concede un’altra possibilità quella che ha con determinazione ha superato il secondo turno delle qualificazioni in California: 1ora e 46minuti per una rimonta clamorosa contro Elitsa Kostova, terminata con il punteggio di 6-1, 0-6, 0-6.

Ad entrare nel main draw principale è anche la n.1 del seeding delle quali Shuai Peng che in due parziali ha superato la statunitense Jamie Loeb (6-1, 6-3): ad attenderla ora al primo turno Lesia Tsurenko. Avversaria dell’azzurra Sara Errani, che attendeva di conoscerla dal sorteggio, è Mandy Minella che in tre parziali ha battuto Tereza Martincova (6-4, 4-6, 6-3).

Tra le principali teste di serie delle quali, Risa Ozaki n.9 del seeding ha conquistato il tabellone superando Samantha Crawford (6-1, 3-6, 6-7); escono di scena invece la n.7 Evgeniya Rodina battuta da Mona Barthel (6-4, 6-4) e la n.8 Maria Sakkari eliminata da Mariana Duque-Marino (7-6, 6-3).


Nessun Commento per “WTA INDIAN WELLS: SCHIAVONE SUPERA LE QUALIFICAZIONI”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora