WTA. INVARIATA LA TOP 5. PLISKOVA NUMERO 8

Il trio Williams, Sharapova, Halep sempre in testa al ranking. Karolina Pliskova fa il suo ingresso nella top 10 per la prima volta in carriera, guadagnando tre posizioni in un colpo solo e stabilendo il suo best ranking dopo la finale giocata a Stanford.

Tennis – È una settimana di variazioni interessanti per il ranking Wta quella che si apre oggi. Una settimana che segna l’inizio della Roger’s Cup di Toronto per il circus femminile e che apre definitivamente il contro alla rovescia in vista degli Us Open.

Ma con i cambiamenti si inizia dalla posizione numero 7. Perché le prime sei piazze della classifica mondiale sono invariate e la prime tre, Serena Williams, Maria Sharapova e Simona Halep, sembrano quasi intoccabili. Seguono poi Petra Kvitova, Caroline Wozniacki e Ana Ivanovic.

Risale in posizione numero 7 Lucie Safarova (+1), che ora è tallonata dalla connazionale Karolina Pliskova. La ceca realizza il suo best ranking in carriera e conquista per la prima volta la top ten Wta dopo la finale giocata a Stanford. Invariate anche le posizioni numero 9 e 10 del duo iberico composto da Garbine Muguruza e Carla Suarez Navarro. Alla casella numero 11 risale dalla 14 anche Angelique Kerber, che il torneo di Stanford lo ha vinto.

Cambia tutto tra la 14ma posizione del ranking e la 22ma. Apre Agnieszka Radwanska, che perde ben 7 posizioni. Elina Svitolina sale al n° 15 realizzando un incremento di 5 posizioni e facendo registrare il suo miglior ranking in carriera. Andrea Petkovic (16) guadagna una posizione ai danni della nostra Sara Errani, ora 17. Rientra nella top 20 Samantha Stosur (18) scavalcando Madison Keys, Victoria Azarenka (21) e Venus Williams, che sprofonda dalla 15 alla 22. Bene anche Belinda Bencic, che guadagna due posizioni nel ranking portandosi alla numero 20.

In chiusura di top 30, si scambiano la posizione Svetlana Kuznetsova (27) e Alizè Cornet (28), mentre tra le prime trenta del mondo – e grazie alla prima vittoria in carriera ottenuta a Washington – entra per la prima volta anche Sloane Stephens, ora numero 29 (+6). Meglio di lei (dalla 40 alla 32) fa Anastasia Pavlyuchenkova, finalista proprio contro la Stephens a Washington. Il miglior incremento in classifica lo realizza tuttavia la semifinalista di Stanford Varvara Lepchenko, che stampa un +15 facendo il suo ingresso nella top 50 (n°45) e portandosi alle spalle di Coco Vandeweghe (-11). Al numero 48 si issa anche Alison Riske che guadagna 11 posizioni in classifica. Christina McHale e Mona Barthel guadagnano cinque posizioni a testa conquistando rispettivamente la 58esima e la 59esima piazza. In caduta libera Heather Watson (-11), ora al n° 66.

Italiane in classifica. Detto di Sara Errani, tutto sommato stabile nella top 20 ma ora al numero 17, perdono una posizione anche Camila Giorgi e Karin Knapp, ora rispettivamente numero 31 e 35 del mondo. Cede due piazze Robertina Vinci (53), mentre rimangono stabili al n° 26 e al n° 88 Flavia Pennetta e Francesca Schiavone. 

Qui la classifica completa. 

Foto: Karolina Pliskova conquista per la prima volta la top 10 del ranking Wta (www.zimbio.com)


Nessun Commento per “WTA. INVARIATA LA TOP 5. PLISKOVA NUMERO 8”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora