WTA MIAMI, FINALE KONTA-WOZKNIAKI: VENUS KO

Sarà Wozniacki-Konta la sorprendente finale al Wta di Miami: eliminate Pliskova e Venus Williams

Tennis. Sarà Wozniacki-Konta la finale dell’edizione 2017 del Wta di Miami, che come il precedente ad Indian Wells non ha mancato di riservare sorprese, soprattutto nelle battute finali. Sono saltate le principali teste di serie, a sfidarsi due outsider che hanno espresso di gran lunga il miglior gioco del torneo.

La prima a qualificarsi alla finale in programma domani è l’ex n.1 del mondo Wozniacki. Per lei una vittoria in rimonta contro la testa di serie n.2 Pliskova, un’inversione di tendenza dal secondo set in poi che ha quasi dell’incredibile visto l’equilibrio del primo parziale. Primo set che procede con equilibrio fino al break decisivo della ceca nel dodicesimo gioco, che le permette di portare a casa il set per 5-7.

La reazione della n.10 del mondo è veemente, tanto da lasciare alla più quotata rivale appena due game nei successivi parziali: doppio 6-1 in due ore circa di gioco e finale che riporta la danese ad alti livelli dopo un lungo e difficile periodo legato agli infortuni e vita privata.

Dall’altra parte della rete, con relativa sorpresa, la n.11 del mondo Konta che batte la veterana Venus col punteggio di 6-4, 7-5. Partita equilibrata ma con qualche doppio fallo di troppo per la Williams, impaurita dalla sempre feroce risposta della britannica: il break decisivo nel secondo set arriva proprio quando l’americana doveva servire per portare al tie-break il match.

Sarà una finale equilibrata, come dice il Ranking Wta ed il gioco espresso dalle due giocatrici.


Nessun Commento per “WTA MIAMI, FINALE KONTA-WOZKNIAKI: VENUS KO”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora