WTA MIAMI, VENUS E KONTA RIBALTANO LE GERARCHIE

Straordinari epiloghi nelle partite dei quarti di finale a Miami: le outsider eliminano le teste di serie più alte

Tennis. Grandi sorprese e straordinari match in quel di Miami, con la testa di serie n.1 e quella n.3 che saltano ad opera di Venus Williams e Johanna Konta. Si delinea a questo punto il quadro delle semifinali: il primo era già stato designato ieri fra Pliskova, testa di serie più alta rimasta e la Wozniacki ex n.1 del mondo. Dall’altra parte ci saranno Williams-Konta.

La britannica compie una delle due imprese della giornata battendo l’ex finalista di Parigi in rimonta. Perso il primo set per 6-3 con un match che sembrava tutto a favore della rumena arriva per l’inglese subito la reazione nel secondo parziale con il break in apertura. Ma la Halep controbrekka e si arriva con equilibrio costante sino al tie-break, che sarà una battaglia. Lo vince la Konta per 9-7 dopo 72 minuti di gioco. Il terzo e decisivo set è un monologo di quest’ultima, doppio break e 6-2 decisivo che dopo oltre due ore di gioco porta Johanna in semifinale a Miami.

Sul centrale in scena due n.1, l’attuale ed una grande ex. Il match fra colpi potenti da fondo e grandi servizi procede in parità sino all’undicesimo gioco quando l’americana strappa il servizio alla Kerber chiudendo il primo set sul 7-5, in quasi un’ora di gioco. Ce ne vogliono 43 per chiudere il secondo, questa volta il break decisivo arriva prima, Venus spegne ogni velleità di rimonta della tedesca che cede 6-3 e prosegue nel suo periodo tutt’altro che positivo.

Alle ore 19 italiane in scena questa sera la prima semifinale, Pliskova-Wozniacki: alle tre di notte Konta-Venus.


Nessun Commento per “WTA MIAMI, VENUS E KONTA RIBALTANO LE GERARCHIE”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora