WTA QUEBEC CITY: DODIN COSTRETTA AL RITIRO, BABOS E MARIA CENTRANO I QUARTI

La transalpina non riesce nemmeno a scendere in campo a causa di un fastidioso malessere, mentre continua la favola della padrona di casa Abanda

Tennis. Nella nottata italiana si è completata la prima metà degli ottavi di finale del prestigioso WTA International di Quebec City, appuntamento del calendario posto nella settimana successiva agli US Open e in scena sul cemento della suggestiva metropoli canadese. L’unico vero scossone della giornata è stato purtroppo rappresentato dal ritiro al quale è stata costretta una sfortunatissima Oceane Dodin, attesissima dal pubblico dopo il trionfo conseguito qui l’anno scorso e alla ricerca della settima vittoria consecutiva su questi campi indoor che ben si adatta alle caratteristiche della giovane transalpina.

La 20enne di Lilla non ha potuto nemmeno tentare giocarsi la partita dinnanzi alla non irresistibile statunitense Caroline Dolehide a causa di capogiro e vertigini, permettendo dunque a quest’ultima di ottenere un insperato pass per i quarti dove se la vedrà con un una tra Erakovic (finalista qui due volte, nel 2011 e nel 2013, o Van Uytvanck impegnate quest’oggi.

Qualche patema invece per la terza favorita del seeding Timea Babos obbligata a ricorrere al terzo set per avere la meglio sulla britannica Naomi Broady, arresasi soltanto grazie allo score conclusivo di 6-2 5-7 6-2 dopo una battaglia di quasi due ore; tale risultato consegna inoltre alla portacolori olandese il secondo successo su due incontri disputati nel 2017 di fronte alla rivale, già battuta nel mese di aprile sul duro di Monterrey.

A contenderle un posto nel penultimo atto ci sarà adesso la sorpresa di casa Francoise Abanda, autentica rivelazione della settimana corrente e vogliosa di proseguire in un sogno che sta assumendo sempre più i contorni dell’impresa. La 20enne nativa di Montreal si è infatti sbarazzata nell’ultimo match del programma della quinta testa di serie, la statunitense Varvara Lepchenko, incapace di sostenere il ritmo della sua avversaria e alla fine costretta ad incassare una sanguinosa rimonta per 5-7 7-5 6-4 dopo due ore e quindici minuti di battaglia. La numero 122 del mondo, alla quinta partecipazione nel tabellone principale del torneo di casa, centra anche il primo accesso in carriera ai quarti di finale di un torneo WTA.

Da segnalare infine la strepitosa prestazione messa in mostra dalla tedesca Tatjana Maria, giustiziera della malcapitata Grace Min al termine di una lezione severissima come testimonia il risultato di 6-1 6-1 in appena cinquantaquattro minuti di assolo senza storia. La quarta favorita del tabellone attende ora la vincente tra Golubic e Vickery, nella speranza di poter migliorare ancora la sua incredibile progressione in terra canadese. Torna in campo domani anche la favorita assoluta della manifestazione Lucie Safarova apparsa in grande spolvero al debutto, ma chiamata a non sottovalutare le ambizioni della promettente americana Kenin.

Risultati:

[4] T.Maria b. G.Min 6-1 6-1
[3] T.Babos b. N.Broady 6-2 5-7 6-2
[Q] C.Dolehide b. [2] O.Dodin W.O.
F.Abanda b. [5] V.Lepchenko 5-7 7-5 6-4

 


Nessun Commento per “WTA QUEBEC CITY: DODIN COSTRETTA AL RITIRO, BABOS E MARIA CENTRANO I QUARTI”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.