WTA SHENZEN, CAMILA GIORGI SI FERMA IN SEMIFINALE

La azzurra ha ceduto in due set a Alison Riske, mentre è continuata la favola di Katerina Siniakova che ha battuto anche Johanna Konta. A Brisbane invece si è ritirata Garbine Muguruza e la finale sarà Cornet-Pliskova

TENNIS – E’ finita in semifinale la corsa di Camila Giorgi al torneo Wta International di Shenzen. La azzurra infatti è stata battuta in un’ora e sedici minuti con un doppio 6-3 dalla numero 39 del mondo Alison Riske, al termine di un match in cui Camila, a differenza delle precedenti uscite, non è riuscita a mettere pressione alla sua avversaria con i suoi colpi da fondo campo.

Soltanto all’inizio del primo set la azzurra è stata in grado di creare qualche difficoltà alla statunitense, procurandosi tre palle break (di cui due consecutive sul 15-40) che avrebbero potuto proiettarla sul 2-0 e servizio, ma da quel momento la Riske non ha più concesso niente durante i propri turni di battuta, e grazie ai due break ottenuti nel settimo e nel nono game, ha chiuso i conti sul 6-3.

Nel secondo parziale poi la Giorgi ha ceduto immediatamente la battuta (addirittura a “zero”) in un secondo gioco da dimenticare, e quel break si è rivelato decisivo, perché la americana da lì in avanti ha badato a gestire bene i propri turni di servizio fino al definitivo 6-3, che le ha consegnato il pass per la finalissima del torneo cinese. Non manca quindi qualche rimpianto per Camila Giorgi, che non ha servito con la stessa efficacia dei match precedenti (solo il 54 per cento di prime palle in campo nella sfida con la Riske), ma la azzurra ha dimostrato comunque di essere in un buono stato di forma e si proietta verso gli Australian Open con fiducia.

SINIAKOVA

Nell’altra semifinale di giornata invece è continuata la “favola” di Katerina Siniakova, che dopo aver lasciato lungo il cammino la testa di serie numero due Simona Halep, ha battuto anche Johanna Konta (numero tre del seeding) con una rimonta da applausi (1-6 6-4 6-4 lo score conclusivo in favore della ventenne ceca) che ha sbalordito anche il pubblico cinese. La Siniakova quindi, contro Alison Riske, giocherà la sua terza finale Wta della carriera (dopo quelle dello scorso anno a Tokyo e Bastad) ma questa di Shenzen rappresenta senza dubbio il suo miglior risultato di sempre.

AUCKLAND

Spostandoci quindi al torneo Wta di Auckland, a sfidarsi per il titolo saranno Ana Konjuh e Lauren Davis. La testa di serie numero otto del tabellone neozelandese ha superato Julia Goerges in tre set (6-3 4-6 6-3), mentre la statunitense ha approfittato del ritiro di Jelena Ostapenko, causato dai sintomi di un attacco influenzale, quando comunque si trovava avanti 4-1 nel terzo e decisivo parziale (il primo lo aveva vinto la Ostapenko 6-4, il secondo la Davis con lo stesso punteggio).

BRISBANE

Passando infine al torneo Wta di Brisbane, la prima finalista è Alizé Cornet, che ha approfittato del ritiro di Garbine Muguruza sul 4-1 del primo set in suo favore, e grazie a questo risultato, oltre ad aver staccato il pass per la sua seconda finale della carriera in un torneo Premier, si è assicurata anche un posto tra le teste di serie agli Australian Open. Ora la francese, per il titolo del torneo australiano, se la vedrà con Karolina Pliskova, che nella seconda semifinale di giornata ha liquidato Elina Svitolina 6-2 6-4, con una prestazione quasi perfetta nella quale ha concesso soltanto tre palle break (tutte nel sesto game del primo parziale) dominando sia al servizio che da fondo campo.

(Nella foto Camila Giorgi – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “WTA SHENZEN, CAMILA GIORGI SI FERMA IN SEMIFINALE”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Marzo 2017

  • Roger guarda sepre più avanti. Dopo l’incredibile traguardo raggiunto a Melbourne, il favoloso Federer non si pone più limiti e guarda al suo 2017 con occhi nuovi. È tornato a pensare che Wimbledon sia un suo terreno di conquista e spera di riuscire a riprendere le chiavi di quel “giardino incantato”.
  • Rafa vuole il Real Madrid. Un giorno vorrebbe diventare il Presidente del famoso club calcistico madrileno, ha ammesso Nadal, che da sempre ha una grande passione per il pallone. Che stia già pensando al ritiro dal circuito della racchetta.
  • Gli azzurri di Davis sognano. Dalla vittoria di primo turno, fatta registrare in Argentina sulla squadra detentrice dell’insalatiera d’argento, riprende la corsa di una nazionale italiana motivata e generosa, capace di riaccendere l’entusiasmo dei suoi tifosi.