WTA SYDNEY, LA FINALE E’ RADWANSKA-KONTA

La polacca ha liquidato Barbora Strycova con un netto 6-1 6-2, la britannica invece ha sconfitto nettamente Eugenie Bouchard con un doppio 6-2

TENNIS – Saranno Agnieszka Radwanska e Johanna Konta a giocarsi il titolo del torneo Wta di Sydney. La polacca e la britannica infatti si sono sbarazzate rispettivamente di Barbora Strycova e Eugenie Bouchard, delineando un atto conclusivo del torneo australiano che si preannuncia di alto livello.

RADWANSKA

Nella prima semifinale di  giornata, Agnieszka Radwanska si è rivelata nettamente superiore a Barbora Strycova, liquidandola con un netto 6-1 6-2 che le ha consentito di staccare il pass per la finalissima praticamente senza sudare. La testa di serie numero due del tabellone australiano infatti ha imposto all’incontro un ritmo insostenibile fin dalle prime battute, e nel primo set è salita velocemente sul 4-0 concedendo appena tre punti alla sua avversaria.

Quindi, dopo l’unico leggero passaggio a vuoto che ha permesso alla Strycova di recuperare uno dei due break di svantaggio per il momentaneo 4-1, Aga ha riallungato immediatamente ottenendo il contro-break del 5-1 e, nel settimo game, pur avendo dovuto salvare tre palle break consecutive (dallo 0-40), ha conservato il turno di battuta per il 6-1 che l’ha proiettata avanti nel punteggio.

Nel secondo parziale poi la musica non è cambiata, visto che la Radwanska è andata subito avanti 2-0, e nel terzo gioco, molto tirato e combattuto, alla quinta opportunità ha portato a casa un altro break, che le ha spianato definitivamente la strada verso la vittoria. Da quel momento infatti la polacca ha badato essenzialmente a gestire bene i propri turni di battuta, concedendo appena tre punti alla Strycova nei game al servizio, fino al 6-2 conclusivo che le ha permesso di staccare il biglietto per la finale tra gli applausi del pubblico australiano.

KONTA

Sulla stessa falsa riga della prima poi si è snodata la seconda semifinale di giornata, che ha visto Johanna Konta sconfiggere l’ottima Eugenie Bouchard di questo primo scorcio di stagione con un doppio 6-2 a dir poco impressionante.

Nel primo set infatti, dopo il break e contro-break del momentaneo 2-2, la britannica ha cambiato decisamente passo infilando quattro game consecutivi che hanno lasciato quasi di stucco la sua avversaria, specialmente durante i due turni di servizio della canadese. E nel secondo il copione è rimasto invariato, visto che la Konta, a suon di vincenti da fondo campo, soprattutto con il rovescio (rivelatasi la sua arma migliore), in pochi minuti è salita sul 3-0 con il doppio break di vantaggio.

A quel punto la Bouchard ha avuto un sussulto di orgoglio portando a casa il break del momentaneo 3-1, ma la britannica, al termine di un quinto game molto combattuto, ha riallungato sul 4-1 e non ha più concesso alcuna possibilità alla sua avversaria, fino al definitivo 6-2 che le ha consegnato la vittoria e il passaggio alla finale nel torneo di quella che è la sua città natale.

HOBART

Spostandoci quindi al torneo Wta di Hobart, si è fermata ai quarti di finale la corsa della testa di serie numero uno Kiki Bertens, che si è fatta sorprendere in due set (6-2 7-5) dalla ventunenne belga Elise Mertens (numero 127 della classifica mondiale), mentre la giovane croata Jana Fett ha eliminato la paraguaiana Veronica Cepede Royg con un netto 6-1 6-4. Si sono qualificate per le semifinali poi anche Lesia Tsurenko, uscita vittoriosa in tre set (4-6 6-4 6-3) dalla sfida contro la statunitense Shelby Rogers, e Monica Niculescu, che ha battuto 6-4 6-4 la giapponese Risa Ozaki.

(Nella foto Agnieszka Radwanska – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “WTA SYDNEY, LA FINALE E' RADWANSKA-KONTA”


*/?>
*/?>

Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Aprile 2017

  • Fognini dottor Jekill e Mr. Hyde. Il n.1 azzurro è capace, indistintamente, di affascinare e di deludere. La domanda nasce spontanea: deve ancora sbocciare oppure ha già dato il meglio di sé?.
  • Sharapova amata e odiata. Alla vigilia del suo rientro sul Tour, Maria è sempre più amata dagli appassionati e odiata dai colleghi, che trovano ingiuste le wild card assegnatele dai tornei. Internazionali d'Italia inclusi.
  • Andre Agassi docet. Andre Agassi docet. "Lasciare il tennis è un po' morire" ha dichiarato in una recente intervista l'ex "Kid" di Las Vegas, che ha poi spiegato il perché: "I tennisti vivono un terzo della loro esistenza senza programmare gli altri due terzi".
 

Abbonati ora