WTA SYDNEY, ROBERTA VINCI AL SECONDO TURNO

La azzurra ha liquidato Maria Sakkari 6-4 6-0, a Hobart invece si sono fermate sia Sara Errani, costretta a dare forfait per un problema muscolare, che Francesca Schiavone, sconfitta da Jana Fett

TENNIS – Giornata in agrodolce per il tennis azzurro femminile nella settimana che precede l’inizio degli Australian Open. Al torneo Wta di Sydney infatti Roberta Vinci si è qualificata abbastanza agevolmente per il secondo turno, ma a Hobart Sara Errani (costretta a dare forfait a causa di un problema alla coscia sinistra) e Francesca Schiavone si sono fermate al primo turno.

VINCI

Le buone notizie quindi sono arrivate da Roberta Vinci, che a Sydney ha liquidato Maria Sakkari 6-4 6-0, al termine di un match in cui la azzurra ha dovuto “sudare” solo nel primo set, quando per due volte si è fatta rimontare un break di vantaggio dalla giovane greca (classe 1995, numero 94 del mondo). Poi però, dopo aver portato a casa il primo parziale grazie al break ottenuto nel nono game, nel secondo la tarantina ha cambiato decisamente marcia, dominando in lungo e in largo fino al definitivo 6-0 che le ha consegnato la vittoria.

Ora, al secondo turno, Roberta Vinci se la vedrà con una avversaria decisamente più impegnativa come Barbora Strycova (numero 19 della classifica Wta), che nel suo match di primo turno ha battuto Ekaterina Makarova 6-3 7-5.

ALTRI RISULTATI SYDNEY

Passando invece alle altre partite di giornata, hanno superato il turno la numero tre del seeding Dominika Cibulkova (netto 6-2 6-0 a Laura Siegmund), Caroline Wozniacki (testa di serie numero 10) uscita vittoriosa 6-3 2-6 6-4 dalla sfida con Monica Puig, e Johanna Konta (numero sei del seeding australiano) che ha sconfitto Arina Rodionova 6-3 6-4, mentre è stata costretta al ritiro Elena Vesnina, che ha lasciato così via libera a Coco Vandeweghe.

SCHIAVONE – ERRANI

Spostandoci quindi al torneo Wta di Hobart, Sara Errani non è scesa nemmeno in campo a causa del problema accusato alla coscia sinistra, e il suo “posto” è stato preso dalla “lucky-loser” giapponese Kurumi Nara (poi battuta in tre set, 0-6 7-5 6-3, dalla connazionale Risa Ozaki), mentre Francesca Schiavone è stata battuta con un doppio 6-3 da Jana Fett, giovane croata attualmente numero 340 della classifica mondiale.

La milanese ha lottato sia nel primo che nel secondo set, provando a rimanere in partita nonostante i break di svantaggio accumulati all’inizio di entrambi i parziali, ma alla lunga ha ceduto ai colpi della ventenne di Zagabria, dimostratasi più solida nei momenti decisivi dell’incontro.

ALTRI RISULTATI HOBART

Passando infine agli risultati del torneo che si gioca in Tasmania, hanno staccato il pass per il secondo turno la testa di serie numero uno Kiki Bertens (6-1 6-2 a Annika Beck), Andrea Petkovic (6-4 6-0 a Nicole Gibbs) e Lucie Safarova (6-3 6-4 a Viktorija Golubic), mentre si è fermata subito al primo turno la corsa della numero sette del seeding Kristina Mladenovic, sconfitta nettamente 6-1 6-2 dalla belga Elise Mertens.

(Nella foto Roberta Vinci – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “WTA SYDNEY, ROBERTA VINCI AL SECONDO TURNO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Dicembre 2016

  • Andy Murray entra nel 2017 da "number one". Nessun suddito britannico prima di lui era riuscito a salire in vetta alla classifica dell'Era Open, ma lo scozzese ha invece compiuto l'impresa vincendo le Atp Finals proprio davanti al pubblico londinese.
  • L'Argentina sul tetto del mondo. I sudamericani conquistano per la prima volta la Coppa Davis rompendo il "maleficio" che li aveva visti perdere per ben 4 volte in finale. A fare il tifo sugli spalti c'era anche Diego Armando Maradona!
  • Trump e il tennis. Da sempre grande appassionato dello sport della racchetta, il nuovo Presidente degli Stati Uniti non solo è uno spettatore fisso degli US Open, ma da svariati decenni impugna la racchetta con la stessa determinazione che ha mostrato in campagna elettorale.