WTA SYDNEY: VINCI ELIMINATA, FUORI ANCHE LA KERBER

La azzurra ha ceduto nettamente 6-2 6-3 a Barbora Strycova, che si qualifica così per i quarti di finale. Fuori anche la numero uno del mondo per mano della giovane russa Daria Kasatkina, avanzano invece Bouchard e Konta

TENNIS – Si è fermata al secondo turno la corsa di Roberta Vinci al torneo Wta di Sydney. La azzurra infatti è stata battuta nettamente 6-2 6-3 da Barbora Strycova (alla quarta vittoria di fila contro la tarantina), al termine di un match in cui è apparsa abbastanza scarica e mai in grado di attaccare la rete, contro una giocatrice dimostratasi invece molto solida e soprattutto molto più in palla.

Nel primo set la Vinci ha iniziato cedendo subito la battuta, ma dopo il cambio di campo ha reagito immediatamente conquistando il contro-break dell’1-1, e sul 2-1 ha avuto anche la palla break del possibile 3-1 in suo favore. La Strycova però è riuscita a salvarsi, e da quel momento ha approfittato di un vistoso calo della Vinci, che ha perso terreno negli scambi da fondo campo e in un attimo si è ritrovata sotto 5-2 dopo aver ceduto altre due volte il servizio.

Nel combattutissimo ottavo game comunque la tarantina ha provato a mettere in campo la sua proverbiale determinazione, riuscendo a salvare ben cinque set-point alla sua avversaria, e procurandosi anche tre palle break (tutte ai vantaggi) che avrebbero potuto rimetterla nella scia della ceca, ma alla sesta opportunità la attuale numero diciannove del mondo ha chiuso i conti sul 6-2 dopo poco meni di quarantacinque minuti di gioco.

E nel secondo parziale la musica non è cambiata, visto che la Strycova ha ottenuto subito un altro break, confermandolo poi dopo il cambio di campo per il momentaneo 2-0 in suo favore. La Vinci quindi si è ritrovata a fronteggiare altre tre palle break consecutive (sullo 0-40) anche nel terzo gioco, ma stavolta, a differenza del primo, è stata capace di risalire la china e di conservare il proprio turno di battuta. Poi, nel quinto gioco, la azzurra ha dovuto salvare un’altra palla break prima di rimanere in scia sul 2-3, ma nel settimo game un sanguinoso doppio fallo commesso sul 30-30 e il conseguente errore di rovescio sul 30-40, hanno fatto volare la Strycova sul 5-2.

Al momento di servire per il match però la ceca si è un po’ disunita, e grazie ad un doppio fallo e ad un errore gratuito di rovescio, ha permesso alla Vinci di strapparle la battuta per il momentaneo 5-3. Ma la azzurra non ha approfittato del leggero passaggio a vuoto della sua avversaria, che nel nono game, complici anche ben tre errori della tarantina, ha recuperato dal 30-0 infilando quattro punti consecutivi che le hanno consegnato la vittoria e il passaggio ai quarti di finale del torneo australiano.

ALTRI RISULTATI SYDNEY

Passando quindi alle altre partite di giornata, ha staccato il pass per i quarti di finale anche Anastasia Pavlyuchenkova, capace di fare suo il “derby” russo contro la connazionale e testa di serie numero cinque Svetlana Kuznetsova in due set (7-5 6-3 il punteggio finale) al termine di un match comunque molto equilibrato e combattuto. Insieme a lei poi avanzano anche Eugenie Bouchard, protagonista di una belle vittoria in due set (6-4 6-3) ai danni della testa di serie numero tre Dominika Cibulkova, Caroline Wozniacki (6-0 7-5 a Yulia Putintseva), Johanna Konta, che ha liquidato Daria Gavrilova con un netto 6-1 6-3, e la numero due del seeding Agnieszka Radwanska (7-6 6-1 a Christina McHale).

KERBER

Ha perso ancora invece (dopo il ko ai quarti di finale del torneo di Brisbane con Elina Svitolina) la numero uno del mondo Angelique Kerber, sconfitta a sorpresa dalla giovane russa Daria Kasatkina in due set (7-6 6-2). Dopo un primo parziale risolto soltanto al tie-break, nel quale la tedesca aveva rimontato per due volte un break di svantaggio prima di cedere 7 punti a 5, nel secondo la Kerber è andata nuovamente sotto, riuscendo però a recuperare da 0-2 a 2-2.

Da quel momento però, inspiegabilmente, non è più riuscita ad arginare con efficacia i colpi della sua avversaria, che è salita sul 4-2 e, dopo aver salvato due importantissime palle break proprio nel sesto game, ha strappato nuovamente il servizio alla Kerber, tra lo stupore del pubblico australiano, per poi chiudere i conti sul definitivo 6-2.

HOBART

Spostandoci poi al torneo Wta di Hobart, l’ex numero nove del mondo Andrea Petkovic non è riuscita a qualificarsi per i quarti di finale dopo la sconfitta in tre set contro la numero 129 della classifica mondiale Veronica Cepede Royg. La paraguaiana si è imposta 6-3 0-6 6-4 e insieme a lei hanno staccato il pass per i quarti anche la testa di serie numero tre Monica Niculescu, vittoriosa in due set (6-3 6-2) ai danni di Kristen Flipkens, e Elise Mertens, dopo un “siparietto” quanto meno singolare visto che sia lei che la sua avversaria Sachia Vickery hanno chiamato l’intervento del fisioterapista già nel primo game dell’incontro. Alla fine a ritirarsi è stata è stata la Vickery e il passaggio del turno è stato della Mertens.

(Nella foto Roberta Vinci – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “WTA SYDNEY: VINCI ELIMINATA, FUORI ANCHE LA KERBER”


Inserisci il tuo commento


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2017

  • Il clone di Serena Anche il suo nome inizia con la "S", anche lei ha la pelle nera, anche lei è americana, anche lei ha vinto gli US Open. Sloane Stephens potrà veramente prendere il posto della Willliams sul Tour e nel cuore degli appassionati?
  • "Next Gen" Shapovalov Diciotto anni, israeliano di sangue russo, Denis ha vissuto un'estate da leone sul circuito collezionando due vittorie da incorniciare su del Potro e Nadal. Tutto lascia pensare che non si tratti di un fuoco di paglia.
  • La Rod Laver Cup svecchia la Davis Ci voleva la formula innovativa del nuovo torneo a squadre, nato sotto la sapiente guida del grande Federer, per convincere la Federazione Internazionale a rivoluzionare l'ormai obsoleta Coppa Davis.